Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Vendemmia 2002: millesimo eccellente ?

La regione del Vallese è stata risparmiata dalla pioggia

(Keystone Archive)

La bise, il freddo e il sole che hanno caratterizzato il mese di settembre hanno contribuito all'aumento della concentrazione zuccherina nell'uva.

I viticoltori d'Oltralpe sono soddisfatti e parlano già di un eccellente millesimo 2002.

"Secco, freddo, soleggiato con un forte vento da nord: ecco un mese di settembre ideale per la vigna", ha indicato Jean-Michel Bolay dell'Ufficio della viticoltura del canton Vaud. Con queste condizioni, l'uva ha potuto immagazzinare durante la notte gli zuccheri prodotti durante il giorno, ha spiegato l'ingegnere viticolo.

Il tenore zuccherino ha dunque raggiunto in Romandia livelli molto alti. Secondo gli specialisti, i primi risultati dei test sono spesso superiori a quelli del 2001 e rivaleggiano talvolta con quelli del 2000, un'annata eccezionale.

In Vallese, principale cantone viticolo romando, non soffia la bise. Tuttavia la regione è stata risparmiata dalla pioggia e ha beneficiato di temperature basse. Il freddo ha impedito ai funghi di svilupparsi, ha precisato Christian Sauvain, enologo delle cantine Orsat.

Stagione difficile al sud

Oltre Sarina, la vendemmia non è ancora terminata ma il presidente della Federazione dei viticoltori della Svizzera tedesca, Erich Gusel, è ottimista: l'uva è molto sana. Tuttavia, i commissari viticoli non mettono in evidenza il fenomeno della bise osservato nella Svizzera francese. Si deplorano molti acini marci a Zurigo e i primi risultati sono mediocri.

Nei Grigioni, il mese di settembre non è stato favorevole perché sono stati numerosi i giorni di pioggia. Ernst Schläpfer, commissario viticolo, spera che il favonio spirerà presto per asciugare l'uva.

Al sud la stagione viticola è stata difficile, ha spiegato Claudio Tamborini, viticoltore ticinese. Ma nel mese di agosto il vento da nord-est ha seccato i grappoli e il raccolto, tenendo conto delle condizioni, è "eccezionale" da un punto di vista qualitativo.

La Romandia, con 11 435 ettari, è al primo posto per superficie viticola. È seguita dalla Svizzera tedesca (2 621 ettari) e da quella italiana (1 028). Secondo l'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG), il Vallese è il più grande cantone viticolo, seguito da Vaud, Ginevra e Ticino.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Superfici vinicole in Svizzera:

11'435 ettari nella Svizzera francese
2'621 ettari nella Svizzera tedesca
1'028 ettari nella Svizzera italiana

Fine della finestrella

In breve

Il mese di settembre è stato particolarmente propizio all'uva. Secondo i primi test i risultati potrebbero essere superiori a quelli del 2001.
In Ticino e nei Grigioni la vendemmia di quest'anno non ha invece soddisfatto completamente i viticoltori, anche se il mese di agosto è stato buono.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×