Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Festa nazionale svizzera del 1° agosto


Guglielmo Tell e la Statua della Libertà, la coppia perfetta dei valori fondamentali







Guglielmo Tell, il figlio Walter e 80 invitati festeggiano il 1° agosto su una piccola isola di fronte a New York, a 28 km dalla Statua della Libertà (fotomontaggio). (zVg)

Guglielmo Tell, il figlio Walter e 80 invitati festeggiano il 1° agosto su una piccola isola di fronte a New York, a 28 km dalla Statua della Libertà (fotomontaggio).

(zVg)

Non sposta le montagne, ma trasforma le vette quali il Cervino e la Jungfrau in gigantesche bandiere svizzere fatte di roccia e ghiaccio. È l’artista della luce Gerry Hofstetter, che in occasione della festa del 1° agosto porta Guglielmo Tell a New York. Nella Grande Mela, l’eroe nazionale svizzero, il figlio Walter e la Statua della Libertà formano «una famiglia patchwork che simboleggia la libertà e l’indipendenza come valori fondamentali dell’umanità».

Gerry Hofstetter fa una chiara distinzione tra il mito e la realtà. «No, Guglielmo Tell non ha colpito alcuna mela. Ora però si reca nella Grande Mela». E più precisamente sulla “Rat Island”, una piccola isola rocciosa di fronte al quartiere del Bronx. È l’unica isola privata di New York e i suoi proprietari, due espatriati svizzeri, hanno contribuito in modo decisivo alla realizzazione del progetto dell’artista di Zurigo.

La statua originale di Guglielmo Tell, fatta di bronzo, si trova ad Altdorf, nel canton Uri. Il monumento raffigura il barbuto eroe della libertà con la balestra da una parte e il figlio Walter dall’altra. Alta quattro metri, l’opera di Gerry Hofstetter ha le stesse dimensioni dell’originale. È però stata realizzata con poliestere e resina sintetica.

Domenica 31 luglio, l’artista, i due padroni di casa e 80 invitati si recano sull’isola in compagnia di un band musicale di espatriati svizzeri, per assistere alla presentazione ufficiale del Guglielmo Tell giunto dalla Svizzera.

Diritto alla libertà e all’indipendenza

Con la sua azione, l’artista 54enne noto per i suoi spettacoli di luce intende ricordare il significato di Guglielmo Tell: la lotta per il diritto alla libertà e all’indipendenza. «La sua fede in questi valori fanno di Guglielmo Tell una figura dal forte valore simbolico».

L’eroe leggendario della Svizzera, sottolinea Gerry Hofstetter, «non è l’inventore della democrazia, ma è piuttosto alle sue origini. Sono stati gli americani a inventare la democrazia. Noi svizzeri l’abbiamo ripresa e affinata».

Per l’artista, una cosa è molto importante: Guglielmo Tell non si presenta nella Grande Mela in quanto politico. «Sostiene la Statua della Libertà e assieme trasmettono e rafforzano i diritti umani quali valori fondamentali dell’umanità».

La «famiglia patchwork» di Hofstetter non può però riunirsi in un abbraccio: Guglielmo Tell e il figlio sono a 28 km di distanza dalla Statua della Libertà. Sono però posizionati in modo da poterla ammirare da lontano.

Repubbliche sorelle

Quello di Gerry Hofstetter è un progetto per l’amicizia tra la Svizzera e gli Stati Uniti. I due paesi sono definiti “repubbliche sorelle” in quanto si sono ispirati a vicenda al momento di redigere le loro Costituzioni (1776 per gli Stati Uniti e 1848 per la Svizzera).

L’artista di Zurigo è noto per i suoi giganteschi giochi di luce. Nel 2005 e 2012 ha fatto apparire un’enorme bandiera svizzera rispettivamente sul Cervino e sulla Jungfrau, che con i suoi oltre 4'000 metri d’altezza è la regina delle Alpi bernesi. Nel 2012 ha invece proiettato un’immagine del Titanic, in grandezza naturale, su un iceberg dell’Artico.


Traduzione dal tedesco di Luigi Jorio, swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×