Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Bertrand Piccard "Non temo la morte, ma ho ancora molte cose da fare"

Bertrand Piccard, con una replica di Solar Impulse II, prima di un incontro con datori di lavoro e ricercatori messicani e svizzeri a Città del Messico.

Bertrand Piccard, con una replica di Solar Impulse II, prima di un incontro con datori di lavoro e ricercatori messicani e svizzeri a Città del Messico.

(Adrián Elizondo Lima)

Figlio e nipote di noti esploratori, lo psichiatra e aeronauta Bertrand Piccard si è fatto conoscere in tutto il mondo per aver fatto il giro del mondo con una mongolfiera nel 1999 e con un aereo alimentato esclusivamente da energia solare (Solar Impulse) nel 2016. I limiti esistono solo nella mente, afferma il pioniere svizzero, intervistato durante una visita in Messico. 

swissinfo.ch: Suo nonno (Auguste Piccard) e suo padre (Jacques Piccard) erano famosi inventori e esploratori della stratosfera e delle profondità oceaniche. In che misura queste esperienze hanno segnato la sua infanzia? 

La dinastia Piccard 

Originario di Losanna, Bertrand PiccardLink esterno è nato il 1° marzo 1958. 

Suo nonno era il fisico Auguste Piccard, inventore del pallone stratosferico, il primo a raggiungere un’altitudine di 16’000 metri nel 1931. 

Bertrand è inoltre figlio dell’oceanografo Jacques Piccard, il primo uomo ad immergersi nel 1960 fino a 11’000 metri di profondità nella Fossa delle Marianne dell'Oceano Pacifico. 

Nel 1999, insieme al britannico Brian Jones, Bertrand Piccard ha realizzato il primo giro del mondo ininterrotto con una mongolfiera. 

Nel 2016 ha compiuto, assieme al pilota zurighese André Borschberg, il primo giro del mondo con il velivolo solare Solar Impulse II.

Fine della finestrella

Bertrand PiccardLink esterno: Sono stato influenzato da mio padre e da mio nonno, ma anche tutte le persone che ho incontrato attraverso di loro durante la mia infanzia: astronauti, esploratori, sommozzatori e difensori dell'ambiente. Tutti avevano in comune l'interesse di scoprire il mondo, abbandonare il conosciuto e superare i limiti. 

Ho capito allora che l'impossibile è solo nella mente delle persone. Non nella realtà. La mia famiglia mi ha sempre permesso di porre ogni tipo di domanda. 

Ero un incubo per i miei insegnanti! Per me è sempre stato normale andare oltre ciò che si conosce. Così, quando sono cresciuto, mi ha deluso il fatto di scoprire che così tante persone hanno paura dell'ignoto. 

swissinfo.ch: Alcune esperienze ci cambiano per sempre. Sicuramente è successo anche a lei quando ha fatto il giro del mondo con una mongolfiera e poi con Solar Impulse. Che cosa ha tratto da queste esperienze? 

B.P.: Il giro del mondo in mongolfiera mi ha reso consapevole del fatto che potevo realizzare i miei sogni. Prima di allora, era solo un osservatore della realizzazione dei sogni degli altri. 

Solar Impulse mi ha insegnato che potevo essere utile per gli altri. La prima esperienza è stata un sogno individuale. La seconda un esercizio di servizio. 

swissinfo.ch: Con Solar Impulse ha reso possibile l'impossibile: volare per 40’000 chilometri senza una goccia di carburante. La maggior parte dell'umanità sarebbe soddisfatta di una tale impresa, ma non Bertrand Piccard. Che sfida intende ora compiere? 

B.P.: Il successo non è un obiettivo, è un passo per fare qualcosa di più grande e migliore. La mia sfida è ora quella di apportare al mondo, entro la fine del 2018, soluzioni redditizie per proteggere l'ambiente attraverso l'Alleanza globale per soluzioni efficientiLink esterno, creata dalla Fondazione Solar Impulse. 

Per fare questo, stiamo riunendo individui, imprese start-up e altre aziende che hanno prodotti, processi, idee o nuove tecnologie per proteggere l'ambiente in modo redditizio. I consigli e le conclusioni risultanti saranno condivisi con i governi di tutto il mondo. Una formula che consentirà a tutte le parti di essere vincitori. Questa è la mia sfida attuale.  

swissinfo.ch: Torniamo a Solar Impulse. Lei ha dato avvio a un sogno che noi dovremo continuare. Un giorno sarà possibile trasportare la gente comune in aereo solare? 

B.P:. Un aereo solare è essenzialmente un velivolo elettrico che fabbrica la propria elettricità attraverso l'energia solare. Gli aerei commerciali, con 400 o più passeggeri, continueranno a utilizzare kerosene ancora per molti anni. Però dei velivoli per una cinquantina di passeggeri che impiegano batterie caricate prima del decollo con energia solare diventeranno una realtà entro 10 anni.

Piccard si prepara per il convegno organizzato dall'Ambasciata svizzera in Messico, assieme alle imprese ABB e Schindler, per pubblicizzare l’Alleanza globale per soluzioni efficienti. 

Piccard si prepara per il convegno organizzato dall'Ambasciata svizzera in Messico, assieme alle imprese ABB e Schindler, per pubblicizzare l’Alleanza globale per soluzioni efficienti. 

(Andrea Ornela/swissinfo.ch)

swissnfo.ch: Dopo Solar Impulse, in Svizzera si sta sperimentando ora il velivolo SolarStratos, un progetto che lei conosce bene. La Svizzera sta diventando una potenza nell'aviazione solare. A quali talenti particolari si deve tutto ciò? 

B.P:. La Svizzera è un paese innovativo con università altamente competitive. Il Politecnico federale di Losanna, per esempio, è straordinario. Ho lavorato molto con gli esperti di questa scuola. Vi sono pure molte piccole e medie imprese veramente innovative. La Svizzera approfitta inoltre della stabilità sociale, dell’assenza di scioperi e del sostegno accordato dal governo ai progetti. È un paese propizio per un imprenditore. 

swissinfo.ch: In tutto il mondo si moltiplicano i dibattiti e gli obbiettivi di protezione dell’ambiente. I governi stanno però facendo veramente il possibile per ridurre l’impiego di energie fossili che danneggiano l’ambiente? 

B.P:. Alcuni governi e alcune imprese, sì. Altri chiaramente non. Si denotano grandi progressi in Scandinavia, in particolare in Danimarca e Svezia. Lo stesso vale per il Marocco, che intende produrre il 52% dell’energia tramite fonti rinnovabili entro il 2030. La Cina, spesso oggetto di critiche per l'inquinamento emesso, sta avanzando più rapidamente dell’Europa. Non va dimenticato che siamo responsabili di buona parte dell’inquinamento prodotto in Cina. Difatti acquistiamo moltissimi prodotti fabbricati in Cina. I cinesi devono sopportare l’inquinamento prodotto dai beni che noi consumiamo. 

swissinfo.ch: Qual è il suo bilancio ambientale per la Svizzera?  

B.P:. La Svizzera avanza, ma può fare molto di più. Vi è una grande resistenza all’interno del paese contro alla transizione energetica. Le forze di destra e gli ambienti economici non hanno capito che è l'unico modo per modernizzare il paese, progredire e continuare a crescere. 

Il motivo è filosofico e politico, non industriale. Rifiutano iniziative che provengono dagli ambientalisti, dalla sinistra e dal centro, vogliono mantenere le loro politiche di destra che danneggiano l'ambiente. Non hanno capito che l'industria e l'economia sarebbero i principali beneficiari della sostituzione di sistemi inquinanti con sistemi più puliti. È peccato. Dovrebbero pensarci. 

swissinfo.ch: Qualche anno fa ha affermato che le crisi sono quasi l'unico modo per evolvere. Lo ribadisce? 

B.P:. Oggi penso che ci sono due modi per farlo. Attendere una crisi che ci costringerà a cambiare ed evolvere. O essere curiosi e cercare altri modi di pensare e di agire. In tal modo potremo cambiare prima di essere sorpresi da una crisi. 

swissinfo.ch: Durante le sue imprese con la mongolfiera e il velivolo solare ha sempre assunto rischi significativi. Non teme la morte? 

B.P:. Ho preso dei rischi, ma sempre calcolati. Oggi non ho paura della morte. Ma non ho alcuna voglia di morire troppo presto. Sento che ho ancora molte cose da fare. 

Vedo di per sé la morte come un'avventura. Sarebbe molto interessante sapere cosa c'è dall'altra parte.


Traduzione di Armando Mombelli

×