Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Ferrovia transalpina


Treni nel cinema e sotto il San Gottardo


Iniziativa del Consolato svizzero a Milano, in collaborazione con la Cineteca italiana, per celebrare l'apertura della galleria ferroviaria più lunga del mondo.

È stata presentata presso il Consolato Svizzero di Milano l’iniziativa “Gottardo, un mito per il futuro”, realizzata in collaborazione con la Fondazione Cineteca Italiana. Una rassegna dedicata al tema dei treni nel cinema e una mostra-istallazione realizzate nel foyer di Piazza Oberdan a Milano. «Vedremo 15 titoli di grandi film che raccontano quanto il treno sia stato protagonista nella storia del cinema e in quella dell’uomo», ha detto Matteo Pavesi, direttore di Fondazione Cineteca Italiana.

«L’occasione dell’apertura del tunnel del San Gottardo», ha aggiunto, «è speciale perché ci ha dato lo spunto per mettere a sistema grandi capolavori che raccontassero questo mezzo di locomozione che in questi film è spesso il protagonista».

Ad intervenire durante la conferenza stampa è stato anche Félix Baumann, console generale di Svizzera a Milano, pronto per realizzare quella che da molti viene definita l’impresa del secolo. «Vogliamo completare la galleria del Ceneri nel 2020 e dopo avremo un’asse di trasporto, di alta capacità, da Basilea fino al confine italiano», ha dichiarato Baumann.

La Svizzera, ha commentato Baumann, «è in contatto molto stretto con le autorità italiane per completare, nei tempi più brevi, l’opera a Sud, in modo tale che anche l’Italia possa usufruire di questo vantaggio verso i mercati dell’Europa Centrale e del Nord».

tvsvizzera.it

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×