Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Corea del Sud Jung-ok Lee



Jung-ok Lee, è professoressa di sociologia all’università cattolica di Daegu.

Jung-ok Lee, è professoressa di sociologia all’università cattolica di Daegu.

(swissinfo.ch)

Bruno Kaufmann: Oltre sessant’anni dopo la fine della guerra di Corea il suo paese è ancora diviso. Questo ha influito negativamente sullo sviluppo democratico del suo paese, la Corea del Sud?

Jung-ok Lee: All’inizio è stato senza dubbio così. Fino alle prime elezioni libere del 1987 siamo stati governati da un regime militare senza scrupoli. Nello stesso tempo un numero crescente di persone si è ribellato alla repressione e ha così creato le basi per un’evoluzione molto rapida e positiva che negli ultimi 25 anni ha cambiato il paese.

Bruno Kaufmann: A suo avviso quali sono i risultati più importanti raggiunti dalla giovane democrazia sudcoreana?

J.O.L.: Le nostre istituzioni. Seguendo la via legislativa siamo riusciti a creare istituzioni robuste e super partes, come per esempio una commissione elettorale indipendente, una corte per i diritti umani e fondazioni che si occupano di fare i conti con l’eredità della dittatura e di promuovere la democrazia. In Corea del Sud l’epoca in cui si aveva paura dell’attivismo politico è definitivamente tramontata.

Bruno Kaufmann: E come giudica le possibilità di un’ulteriore estensione dei diritti democratici?

J.O.L.: Dall’epoca del colonialismo giapponese abbiamo imparato soprattutto una cosa in questo paese: fare resistenza e non partecipare. In una società aperta e moderna queste competenze non bastano più. Per questo oggi molte coreane e molti coreani si sentono incoraggiati dall’esperienza svizzera nell’ambito della democrazia diretta a osare ulteriori passi verso una maggiore democrazia.

Bruno Kaufmann, Seul

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×