Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Demografia Svizzera, terra di immigrazione europea

La Svizzera è uno dei paese con la proporzione più elevata di stranieri, la grande maggioranza dei quali sono dei cittadini europei. Benché il fenomeno non sia nuovo, l'immigrazione è più che mai al centro dei dibattiti politici. Sguardo su 165 anni di immigrazione in Svizzera attraverso i grafici.

Oltre l'80% della popolazione straniera in Svizzera proviene da un paese europeo. L'emigrazione dalla Germania, dall'Italia e, in misura minore, dalla Francia ha radici storiche profonde, come illustrato da questo grafico che mostra l'evoluzione del totale dei residenti senza la cittadinanza elvetica in Svizzera dal 1850 ad oggigiorno.

streamgraph

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Alla fine del 19° secolo, la costruzione e il rafforzamento della rete ferroviaria generano la prima ondata di immigrazione della Svizzera moderna. All'epoca, l'immigrazione proveniva quasi esclusivamente dai paesi vicini della Svizzera (Italia, Francia, Germania e Austria).

Il boom economico del dopoguerra è accompagnato da un massiccio bisogno di manodopera. Tra il 1951 e il 1970, la Svizzera registra una grande ondata migratoria. Dopo una stagnazione negli anni '70 e '80, il fenomeno ha accelerato nel corso degli ultimi trent'anni.

Con il miglioramento della situazione economica in Italia e in Spagna, principali fornitori di manodopera alla fine degli anni '70, la Svizzera ricorre sempre più ad altri paesi. In questa nuova fase sono principalmente il Portogallo e l'ex Jugoslavia (quest'ultima soprattutto con la guerra dei primi anni '90) che rivestono un ruolo importante nell'emigrazione verso la Svizzera.

Più recentemente, il benessere economico del paese e l'introduzione della libera circolazione delle persone hanno attirato nella Confederazione decine di migliaia di lavoratori, provenienti principalmente dai paesi dell'Unione Europea (UE).

Il profilo dei migranti nel corso degli anni si è modificato. In passato, emigrava soprattutto una manodopera relativamente poco qualificata. Oggi, la proporzione di laureati tra i cittadini dell'UE che risiedono sul territorio svizzero è superiore a quella dei cittadini elvetici.

Chi è straniero?

Se il numero di stranieri in Svizzera è particolarmente elevato (pari al 25% della popolazione), va precisato che in confronto con altri Paesi, la Svizzera ha criteri molto rigidi per il rilascio della cittadinanza. La nazionalità svizzera non si acquisisce automaticamente e molti stranieri nati in Svizzera mantengono la nazionalità d'origini.

Così, nel 2015, un quinto della popolazione "straniera" della Confederazione era nato in Svizzera. E tra gli stranieri nati fuori del paese, quasi la metà (il 44%) risiedeva in Svizzera in modo permanente da 10 anni o più.

Il 12 febbraio, i cittadini svizzeri decideranno se per facilitare la procedura di naturalizzazione per gli stranieri di terza generazione.


(Traduzione dall'italiano: Sonia Fenazzi)

×