Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Mass media


I giornali svizzeri perdono lettori




Le vendite sono in calo, ma l'offerta di quotidiani in Svizzera continua ad essere grande in tutte le regioni linguistiche. (Keystone)

Le vendite sono in calo, ma l'offerta di quotidiani in Svizzera continua ad essere grande in tutte le regioni linguistiche.

(Keystone)

Quotidiani, settimanali e riviste hanno registrato un nuovo calo di abbonati in Svizzera. I giornali cartacei restano comunque un mezzo d’informazione importante, sia a livello mondiale, sia a livello svizzero.

La tiratura dei giornali e delle riviste svizzeri è analizzata ogni anno dall’istituto di Ricerche e studi dei media pubblicitari (REMP). Presentato questa settimana, l’inchiesta 2016 rivela che la maggior parte dei grandi titoli ha registrato un’erosione del numero di abbonati.

La diminuzione è sensibile per i due grandi quotidiani popolari del paese. Nella Svizzera francese “Le Matin” ha perso 21mila lettori ed è ora fermo a 275mila. Nella Svizzera tedesca, il “Blick” ne ha persi 38mila e ne conta attualmente 617mila.

Anche la maggior parte dei domenicali sono in perdita di velocità. Per quanto riguarda i giornali regionali, invece, il calo è sensibile nella Svizzera romanda, dove alcuni hanno perso fino a un decimo degli abbonati. La situazione è invece più stabile nella Svizzera tedesca e in Ticino.

Questa erosione si osserva ormai da qualche anno e tocca tutti i paesi industrializzati. Si spiega in particolare con la sempre maggior diffusione di media elettronici.

Su scala mondiale, invece, la stampa scritta è lungi dall’aver detto l’ultima parola. Secondo il rapporto 2014 dell’Associazione mondiale dei giornali e degli editori, 2,5 miliardi di persone – ossia il 49% della popolazione mondiale adulta – leggeva dei giornali stampati nel 2013. E se il numero di giornali pubblicati ogni giorno è in diminuzione nei paesi occidentali, è in continuo aumento nel resto del mondo. 

Malgrado il calo del numero di lettori, i giornali svolgono ancora un ruolo importante in Svizzera. Secondo i dati della Banca mondiale, i giornali erano letti dal 75,10% degli svizzeri nel 2013. Nel mondo, soltanto i giapponesi hanno un tasso più alto, pari all’83,2%. 

Il servizio del TG della Radiotelevisione svizzera


Traduzione di Stefania Summermatter

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×