Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Testimonianze


Seveso, 40 anni fa la tragedia della diossina


Era il 10 luglio 1976 quando nella fabbrica dell’ICMESA – in mano al gruppo svizzero Givaudan – scoppiò la valvola di un reattore, lasciando fuoriuscire una nube tossica che devastò Seveso e altri villaggi della Brianza. Circa 200 persone, soprattutto bambini, furono contaminati dalla diossina. Molti di loro portano ancora oggi sul volto i segni della tragedia.

A Seveso la vera dimensione dell’accaduto si manifestò soltanto alcuni giorni dopo. I primi casi di intossicazione vennero segnalati il 15 luglio, quando gli arrossamenti sulla pelle cominciarono a trasformarsi in piaghe.

Si dovette però attendere fino al 26 luglio prima che la zona più colpita fosse evacuata: 736 persone dovettero lasciare le loro abitazioni, molte case vennero rase al suolo, e 80'000 animali morirono o furono abbattuti.

Ancora oggi non si sa esattamente quanta diossina sia stata dispersa nell’ambiente: le stime vanno dai 2 ai 18 chili.

Sul fronte giudiziario, la Givaudan (allora di proprietà della Roche) – difesa da uno stuolo di avvocati – non venne intaccata oltre misura. Complessivamente dovette versare circa 300 milioni di franchi, in particolare ai comuni, alla Regione Lombardia e allo Stato italiano.

Due dirigenti della Givaudan frono condannati a pene sospese condizionalmente. A detta di molti, però, i due erano soprattutto delle pedine, sacrificate per non inquietare i vertici della multinazionale.


swissinfo.ch e RSI

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×