Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Fotografia ed ingegneria La Valle di Blenio a cavallo tra due secoli

Ferdinando Gianella era un uomo politico e un ingegnere che praticava la fotografia «per diletto». Un’arte che metteva prima di tutto al servizio del suo lavoro, documentando la rivoluzione in atto in Ticino – e in Val di Blenio in particolare – in materia di vie di comunicazione.

L’Archivio fotografico Roberto DonettaLink esterno a Corzoneso rende omaggio a questo pioniere della fotografia esponendo una trentina di immagini di Gianella, scattate nella Valle del Sole, come è soprannominata la Valle di Blenio, dal 1890 al 1932.

Nato nel 1837 a Leontica, dopo la laurea in scienze matematiche e fisiche all'Università di Parma, Gianella iniziò una brillante carriera nell'ambito della realizzazione di opere pubbliche. Attivo politicamente nelle fila conservatrici, fu eletto nel governo cantonale nel 1884 e per sette anni diresse il Dipartimento delle pubbliche costruzioni. In questa veste diede impulso alla bonifica del piano di Magadino, alla correzione dei fiumi Ticino e Maggia, nonché alla costruzione della strada delle Centovalli. Travolto dalla rivoluzione liberale del 1890, tornò alla sua professione e, dopo l'adozione della Legge sulle ferrovie regionali nel 1902, partecipò alla progettazione delle linee ferroviarie Locarno-Bignasco e Biasca-Acquarossa. Scomparve nel 1917.

«Dai suoi scatti – scrive l’Archivio fotografico Roberto Donetta – si intuisce come Gianella attribuisse alla fotografia non soltanto un valore documentale o celebrativo bensì anche una valenza tecnica, considerandola uno strumento suscettibile di agevolare il mestiere dell'ingegnere».

(Immagine: Archivo di Stato del Cantone Ticino, Fondo Famiglia Gianella, Testo: Daniele Mariani, swissinfo.ch)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.