Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Gol o non gol?


Telecamere svizzere al servizio degli arbitri


Codice da incorporare

Alla Coppa del Mondo del 2014 gli stadi sono stati equipaggiati con la tecnologia sulla linea di porta per dare agli arbitri una precisione assoluta. Il cuore del sistema è una speciale telecamera Swiss-made. (SRF, RSI, swissinfo.ch)

Ai mondiali brasiliani, Frank Lampard non dovrebbe verosimilmente rivivere l’incubo di quattro anni fa a Bloemfontein. È il 27 giugno 2010. Ottavo di finale. Il centrocampista inglese scocca un tiro dal limite dell’aria. Il pallone si stampa sulla traversa e rimbalza chiaramente oltre la linea. Rete. L’Inghilterra pareggia 2 a 2 contro la Germania. La gioia dei giocatori inglesi dura però solo qualche secondo. L’arbitro uruguaiano Jorge Larrionda non convalida infatti la rete. Per lui e i suoi assistenti, che non possono far capo alle immagini video, il pallone non ha oltrepassato la linea di porta.

All’Euro 2012 – ma si potrebbe anche riavvolgere il nastro della storia riandando alla finale del 1966 tra, ancora una volta, Inghilterra e Germania con il gol fantasma di Hurst – ci risiamo. Nella partita della fase a gironi tra Ucraina e Inghilterra, un tiro deviato dall’ucraino Devic supera chiaramente la linea di porta prima di essere spazzato via da Terry. Gol? Neanche per sogno. Semplice rimessa dal fondo, dice l’arbitro.

Per Sepp Blatter, la misura è colma. « Alla prossima Coppa del mondo, non potrà succedere la stessa cosa, altrimenti posso andare a nascondermi», afferma il presidente della FIFA. Dopo aver tergiversato, il Board – l’istanza che decide le regole del calcio – dice sì alla cosiddetta «goal-line technology». Già sperimentato in occasione dei mondiali per club nel dicembre 2012 in Giappone e della Confederations Cup del 2013 in Brasile, il sistema GoalControl-4D permetterà di evitare errori clamorosi.

Il cuore del sistema è una telecamera con un sensore appositamente sviluppato dalla società svizzera Photonfocus, che ha sede a Lachen, nel cantone di Svitto.

La tecnologia prevede sette telecamere di sorveglianza che filmano ogni linea di porta da diverse posizioni nello stadio. Le telecamere sono collegate ad un computer ad alte prestazioni che valuta la posizione del pallone al millimetro. Non appena esso entra nella porta viene inviato nel giro di un secondo un segnale a un dispositivo al polso dell'arbitro in campo. Viene così data la precisione matematica ai risultati delle partite.