Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

In cifre


Da dove vengono i due milioni di stranieri che vivono in Svizzera?




Con il testo per l'attuazione dell'espulsione degli stranieri che commettono reati, il popolo svizzero il 28 febbraio voterà nuovamente su un'iniziativa dell'Unione democratica di centro (UDC/ destra conservatrice) riguardante l'immigrazione. Ma chi sono gli stranieri che vivono in Svizzera, che costituiscono quasi un quarto della popolazione elvetica? Tutti i dettagli in un grafico interattivo.

La Svizzera è uno dei Paesi con la più elevata proporzione di stranieri: il 24,3% nel 2014. In pochi altri – per esempio nei Paesi petroliferi o nelle città Stato, quali il Lussemburgo – si supera questa percentuale.

Il grafico sottostante presenta le nazionalità di tutti gli stranieri che vivono in Svizzera. Oltre l'80% proviene da Paesi europei. I cittadini tedeschi, italiani, portoghesi e francesi da soli costituiscono quasi la metà di tutti gli stranieri in Svizzera.

La Svizzera è al primo posto dei Paesi di immigrazione in Europa. Nel 2013, con una media annuale di 20 arrivi ogni 1000 abitanti, la Confederazione era nettamente in testa, davanti a Francia (5,1), Germania (8,4), Regno Unito (8,2) e Spagna (6).

Il forte afflusso migratorio non è l'unico motivo dell'alta percentuale di stranieri nella popolazione svizzera. Un fattore di peso è anche la naturalizzazione più complicata. La cittadinanza elvetica non si acquisisce automaticamente alla nascita sul territorio svizzero. Perciò molti stranieri non si sottopongono alla procedura di naturalizzazione e mantengono semplicemente la nazionalità d'origine. Secondo i dati dell'Ufficio federale di statistica, nel 2014 c'erano 388'700 persone di nazionalità estera nate in Svizzera, pari a un quinto della popolazione straniera residente nella Confederazione.

swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×