Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Cambiamento climatico


Futuro nero per i boschi svizzeri


Il riscaldamento climatico cambierà radicalmente il volto dei boschi svizzeri: è la conclusione alla quale giunge uno studio condotto sull’arco di sette anni. A preoccupare gli esperti sono soprattutto l’aumento degli incendi e il rischio di invasione di organismi nocivi.

Condotto da diversi uffici federali e università, il programma di ricerca “Foresta e cambiamenti climatici” è il primo nel suo genere nell’Europa centrale.

Lo studio ricorda che in Svizzera la temperatura media è aumentata di circa 1,9°C dall’inizio dell’industrializzazione e nei prossimi decenni potrebbe crescere ulteriormente di 1-2°C. Per le foreste svizzere, questo riscaldamento si tradurrà in un innalzamento delle zone vegetative da 500 a 700 metri.  Nei boschi di montagna di bassa altitudine, le conifere saranno così rimpiazzate dalle latifoglie, come la quercia e l’acero.

L’aumento delle temperature e dei periodi di siccità accrescerà inoltre il rischio di incendi nei boschi e d’infestazione.

Gli esperti sottolineano la necessità di un adattamento delle specie, senza il quale le foreste non potranno più ricoprire le loro funzioni di produzione di legname e protezione contro i pericoli naturali.

swissinfo.ch, agenzie e RSI (TG del 31.10.2016)

×