Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Punto di vista


Giocatori senza frontiere


Di Luca Geisseler


 Altre lingue: 5  Lingue: 5

Noi e gli altri. In definitiva, il concetto di nazione è semplice, poiché si basa fondamentalmente sulla delimitazione. Quella delimitazione tra noi e gli altri. Quella frontiera che basta per definire una nazione. Una separazione, prima di tutto.  

Fin qui la teoria.

La delimitazione può però anche avvenire in maniera più semplice. Il campionato europeo di calcio in Francia ne è una perfetta illustrazione. Xhaka contro Xhaka. È stata questa l’affiche della partita Svizzera-Albania, incontro d’esordio della nazionale elvetica all’Euro 2016. Granit da una parte, Taulant dall’altra parte del campo. E in questo caso dove corre la linea di demarcazione? La frontiera tra noi e gli altri?

Svizzera contro Albania. L’affiche che l’UEFA ci ha venduto assomigliava un po‘ a una pubblicità menzognera. Poiché in questo giorno l’incontro ha visto affrontarsi la Svizzera A contro la Svizzera B. O l’Albania 1 contro l’Albania 2. A seconda delle prospettive.

La partita sarà ricordata per sempre come quella in cui due fratelli si sono affrontati. E quando parliamo di fratelli non intendiamo solo 

Taulant e Granit. L’incontro ci ha soprattutto mostrato una cosa: la nazionale svizzera di calcio è ormai da tempo transnazionale.

E non è di certo l’unica. I più importanti motori di quella austriaca si chiamano David Alaba, Marko Arnautovic e Zlatko Junuzovic. Senza le reti di Zlatan Ibrahimovic la Svezia non si sarebbe di certo qualificata per gli Europei. La Germania conta sui passaggi magici di Mesut Özil e Sami Khedira, nonché sul rigore difensivo di Jerome Boateng. Le stelle del Belgio, tra le nazionali favorite di questa competizione, rispondono ai nomi di Romelu Lukaku, Marouane Fellaini e Radja Nainggolan. Il migliore giocatore della Croazia è Ivan Rakitic, nato e cresciuto in Svizzera e che con la nazionale rossocrociata ha fatto tutta la trafila delle selezioni giovanili. E anche l’Italia, questa nazionale così fiera del suo calcio, ha affidato la maglia numero 10, indossata in passato da Alessandro del Piero, Roberto Baggio o Francesco Totti, a Thiago Motta, un brasiliano naturalizzato italiano, che non ha di certo il talento dei suoi illustri predecessori.

Ormai da tempo, l’omogeneità ha ceduto il posto all’eterogeneità.

Proprio la nazionale di calcio, inventata per essere lo specchio dell’identità delle nazioni, rappresenta l’esempio di come questo concetto di nazione sia ormai diventato friabile. In un’epoca in cui i valichi di frontiera non sono più custoditi, il campionato europeo di calcio, in cui differenti nazioni si affrontano per conquistare un trofeo, sembra sempre più un astratto anacronismo.

Noi e gli altri. Oggi, quando dei fratelli si affrontano in una partita internazionale, tracciare una delimitazione è più difficile che mai. Paradossalmente, però, queste frontiere sembrano assumere nuova importanza. La nazione ritorna di moda nel discorso dei populisti di destra. In Inghilterra, in Austria, in Germania e in Svizzera.

Più la delimitazione è difficile, più le differenze tra noi e loro sono vaghe, più tutto ciò diventa importante. Anche quando le frontiere attraversano le famiglie e separano i fratelli.

Il campionato europeo equivale a un anacronismo. Da un punto di vista politico, però, si tratta di un anacronismo assolutamente attuale.


Traduzione di Daniele Mariani, swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×