Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Vicenda OLP-Svizzera


Interrogativi rimasti su schianto dell'aereo Swissair nel 1970


Di swissinfo.ch


Resti dell'aereo Swissair schiantatosi in un bosco a Würenlingen nel febbraio del 1970 (Keystone)

Resti dell'aereo Swissair schiantatosi in un bosco a Würenlingen nel febbraio del 1970

(Keystone)

In seguito alle rivelazioni di un presunto accordo segreto concluso dalla Svizzera con l'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) nel 1970 per scongiurare ulteriori attacchi terroristici contro la Confederazione, swissinfo.ch volge lo sguardo sulla tragedia aerea che avrebbe avuto un ruolo catalizzatore nei negoziati, secondo la tesi di Marcel Gyr, autore del libro sul patto segreto.

Il 21 febbraio 1970, la Svizzera rimase sotto shock. Quel sabato umido e freddo, un velivolo della Swissair diretto a Tel Aviv si schiantò al suolo a Würenlingen, nel cantone di Argovia, poco dopo il decollo dall'aeroporto di Zurigo-Kloten. Tutte le 47 persone a bordo – 38 passeggeri e nove membri dell'equipaggio – rimasero uccise.

"Il 330 sta precipitando", annunciò in tedesco il pilota Armand Etienne alla torre di controllo. "Goodbye everybody", aggiunse in inglese. Furono le sue ultime parole e furono pronunciate alle 13:34.

Circa un quarto d'ora prima, una bomba con un meccanismo collegato ad un altimetro era esplosa nel vano di carico posteriore. L'equipaggio cercò di invertire la rotta e tentare un atterraggio di emergenza a Zurigo, ma era difficile vedere gli strumenti nella cabina di pilotaggio piena di fumo. L'aereo deviò verso ovest e si schiantò in una zona boscosa a Würenlingen a causa di mancanza di energia elettrica.

La sepoltura a Gerusalemme delle vittime israeliane dello schianto aereo in Svizzera (Keystone)

La sepoltura a Gerusalemme delle vittime israeliane dello schianto aereo in Svizzera

(Keystone)

Arthur Schneider, un politico locale dell'epoca, giunse sul luogo dello schianto circa mezz'ora dopo l'incidente. "Vidi una mano disteso sul suolo della foresta. Non riesco a togliermi dalla mente quell'immagine", ha dichiarato alla televisione svizzera SRF il 74enne.

Altri testimoni riferirono di aver visto una "enorme palla di fuoco" e di aver temuto che l'aereo si fosse schiantato sulla vicina centrale nucleare. Il relitto si trovò a poche centinaia di metri dall'impianto atomico.

Agenzie di stampa svizzera scrissero che l'OLP aveva rivendicato la responsabilità, mentre altri media riferirono che l'organizzazione palestinese aveva negato qualsiasi coinvolgimento.

Nel giro di pochi giorni quale principale sospettato fu designato un cittadino giordano che presumibilmente aveva spedito un pacco bomba da Monaco di Baviera, con l'intenzione di far saltare in aria un aereo israeliano. Tuttavia, finì sul Coronado della Swissair, perché il velivolo della compagnia dello Stato ebraico El-Al era in ritardo.

Resti del velivolo nell'hangar della Swissair a Zurigo (Keystone)

Resti del velivolo nell'hangar della Swissair a Zurigo

(Keystone)

Eppure né il giordano né altri sospettati sono mai stati portati in tribunale, nonostante i mandati di cattura. L'investigatore svizzero Robert Akeret consegnò il suo rapporto al procuratore generale della Confederazione. Akeret oggi afferma che Berna mise il caso "sotto silenzio".

L'inchiesta sullo schianto del volo 330 della Swissair a Würenligen è stata definitivamente archiviata nel 2000.

swissinfo.ch

×