11 settembre: il giorno dell'Apocalisse

Il giorno dell'11 settembre resterà per sempre fissato dalle immagini dei due aerei-bomba che si sono schiantati sul World Trade Center. È una data che studieremo sui libri di storia. Keystone

11 settembre 2001

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 dicembre 2001 - 15:25

08:48 (ora di New York) - Un Boeing 767 dell'American Airlines, dirottato, colpisce in pieno una delle due Torri gemelle del World Trade Center a New York.

09:03 - Sotto l'occhio delle telecamere un altro Boeing 767 della United Airlines si schianta contro la seconda torre ed esplode. Entrambi i grattacieli sono in fiamme.

09:05 - Due minuti dopo il secondo attentato, viene informato il presidente americano George W. Bush, che si trova in Florida.

09:40 - Bush dichiara che si tratta "apparentemente di un attacco terroristico". Per motivi di sicurezza nazionale non rientra subito a Washington.

09:43 - Un Boeing 757 dell'American Airlines si schianta contro l'edificio del Pentagono, a Washington, facendo 189 morti.

10:00 - L' Autorità americana per l'aviazione civile annulla tutti i voli. È una decisione senza precedenti.

10:05 - Una delle due torri del World Trade Center si accartoccia su se stessa.

10:10 - Crolla l'ala del Pentagono colpita.

10:10 - Un Boeing 757 della United Airlines si schianta al suolo in Pennsylvania, a sudest di Pittsburgh. I passeggeri, insorti contro i terroristi, sacrificandosi hanno probabilmente evitato un'altra strage.

10:28 - Crolla anche la seconda torre del World Trade Center. Restano 3000 tonnellate di macerie a "Ground Zero".

12:30 - La tv annuncia: i morti sono diecimila. La cifra viene in seguito "ridimensionata": circa 4000. Sui 4 aerei-bomba c'erano 266 persone tra passeggeri ed equipaggio. Choc nel mondo, tutti i leaders inviano messaggi di solidarietà agli Stati Uniti.

13:18 - Le forze Usa sono in stato di massima allerta. Dalla base militare di Barksdale Bush dichiara che "la libertà stessa è stata attaccata". Poi riparte.

16:43 - Bush lascia anche la base militare di Offutt, nel Nebraska, sede dello Strategic Air Command , per rientrare infine alla Casa Bianca. La sua assenza dai luoghi colpiti subito dopo gli attentati farà discutere.

12 settembre 2001: è un atto di guerra. Si schiera la NATO

Parlando alla Nazione Bush dichiara che sono stati compiuti "atti di guerra". I Paesi Nato si schierano al suo fianco: l'Alleanza è pronta ad agire. Osama bin Laden, il leader islamico considerato ispiratore delle stragi, nega ogni responsabilità ma..."ringrazio Allah per quanto è successo".

13 settembre 2001: inizia l'isolamento dell'Afghanistan

Bush spiega che gli Stati Uniti preparano una lunga campagna militare contro il terrorismo islamico, in cui non colpiranno solo Osama bin Laden e l'Afghanistan, che lo ospita, ma anche altri gruppi terroristici e altri Paesi che li sponsorizzano. I servizi segreti sono autorizzati, nella loro guerra clandestina, ad uccidere.

14 settembre 2001: si alla forza

Il Congresso americano autorizza l'uso della forza. Bush proclama lo stato d'emergenza nazionale e decide il richiamo di 50mila riservisti. Lo stesso giorno buona parte dell'Europa si ferma per unirsi agli Stati Uniti nel lutto per gli attacchi terroristici. A 800 milioni di abitanti di 43 Paesi - dall'Islanda alla Russia - è stato chiesto di osservare tre minuti di silenzio a partire dalle 12.

15 settembre 2001: Kabul invita alla "guerra santa"

Da Kabul il regime dei talebani risponde invitando alla guerra santa, e minacciando i Paesi confinanti se decideranno di appoggiare un'azione militare degli Stati Uniti. "Ogni mussulmano deve essere pronto a sacrificarsi per l'Islam e i suoi precetti", dice il mullah Mohammad Omar, leader supremo dei talebani. Anche Mohammad Omar è nel mirino statunitense.

17 settembre 2001: Wall Street resiste al ribasso

Dopo la prolungata chiusura, riapre il New York stock Exchange; Wall Street cede ma non crolla. La giornata di contrattazioni mette in ginocchio l'industria aerea; in rialzo quella degli armamenti. Privi del riferimento americano, i mercati finanziari mondiali attendevano con nervosismo la riapertura della borsa statunitense. Il crollo di Wall Street avrebbe potuto aprire la strada ad una recessione mondiale.

20 settembre 2001: è l'ora di unirsi

Davanti al Congresso George W. Bush lancia un monito al resto del mondo: "O con noi, o con i terroristi". L'America considererà alleato del terrore qualsiasi Stato o movimento che non prende una chiara posizione a favore della coalizione contro i terroristi.

1° ottobre 2001: la ritorsione si avvicina.

"Ora agiremo": la Casa Bianca fa avanzare le portaerei e fornisce armi ai ribelli anti-talebani. Il premier britannico Tony Blair afferma che l'attacco è inevitabile.

2 ottobre 2001: le prove accusano bin Laden

La Nato afferma che gli Usa hanno fornito "prove chiare e schiaccianti" del coinvolgimento della rete terroristica Al Qaeda negli attentati dell'11 settembre.

6 ottobre 2001: è finito il tempo delle discussioni

In un messaggio radiofonico Bush lancia un monito ai talebani: "Il tempo per consegnare Osama bin Laden sta scadendo".

7 ottobre 2001: scatta il primo raid aereo

Bush annuncia il primo raid aereo e missilistico della campagna contro il terrorismo con una secca dichiarazione: "Su mio ordine, gli Stati Uniti hanno iniziato a bombardare i campi dei terroristi di Al Qaeda in Afghanistan e le installazioni militari dei talebani".

13 novembre 2001: Kabul "liberata"

Dopo 5 settimane di bombardamenti, la capitale afgana Kabul cade nelle mani dell'Alleanza del Nord. Torna la musica, gli aquiloni: tutto quanto era stato proibito dai talebani. Si vedono i primi volti di donna senza burqa.

27 novembre 2001: la Conferenza di Bonn

I capi di quattro gruppi afgani e i rappresentanti dell'Onu aprono la conferenza di Bonn per discutere del futuro dell'Afghanistan dopo il regime dei talebani, e per trovare un accordo sulla costituzione di un nuovo governo d'unità nazionale.

swissinfo

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo