Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

2007 – L'anno di Federer e Alinghi

Passano gli anni, ma la voglia di vincere rimane intatta (Federer nella finale degli US Open contro Djkovic)

(Reuters)

Ancora una volta il tennista svizzero ha marcato l'anno sportivo mondiale, un anno contrassegnato pure dalla vittoria di Alinghi, che ha difeso con successo la Coppa America di vela conquistata nel 2003.

Tra gli altri momenti di gloria dello sport elvetico non bisogna poi dimenticare i mondiali di sci di Are, che hanno suggellato la rinascita della squadra rossocrociata.

Qualcuno potrà forse obiettare che Roger Federer nel 2007 ha vinto meno rispetto agli anni precedenti. Il basilese ha infatti trionfato in "solo" otto tornei, mentre nel 2004 e nel 2005 ne aveva vinti 11 e nel 2006 ben 12.

La concorrenza si è fatta più agguerrita. Da quando è numero uno e fino alla passata stagione, solo Rafael Nadal lo aveva sistematicamente messo in difficoltà. Quest'anno il tennista elvetico ha trovato altri avversari temibili come Nalbandian, Djokovic e Canas.

A un certo punto della stagione, Nadal sembrava addirittura in grado di poterlo superare nella classifica ATP.

Le nove sconfitte del 2007 (a fronte di 67 successi) non devono però offuscare l'eccezionale percorso del basilese, che ancora una volta è riuscito ad aggiudicarsi tre dei quattro tornei del Grande Slam. In gennaio, all'Australian Open, Federer si era addirittura permesso il lusso di trionfare senza perdere neppure un set!

Il rimpianto più grande rimarrà probabilmente la finale persa al Roland Garros contro Rafael Nadal, che lo ha ancora una volta privato del Grande Slam (vincere nella stessa stagione tutti e quattro i principali tornei), un exploit riuscito finora solo a Don Budge (nel 1938) e a Rod Laver (nel 1962 e 1969).

Il Maestro è sempre lui

Al Masters di Shanghai in novembre l'elvetico ha messo a tacere tutti coloro che pensavano avesse ormai imboccato una traiettoria discendente.

Dopo un inizio laborioso – sconfitta contro Gonzalez – Federer ha inflitto una lezione di tennis a tutti i migliori del mondo. Sfoderando tutta la sua panoplia di colpi, ha insomma mostrato ai suoi contendenti che il Maestro è ancora lui.

E per il prossimo anno? Non è escluso naturalmente che Federer possa registrare qualche passaggio a vuoto. Ma il basilese gioca ormai per la storia: il 2008 potrebbe infatti essere l'anno del sorpasso nei confronti di Pete Sampras (l'elvetico ha finora conquistato 12 tornei del Grande Slam; l'americano detiene il record con 14), senza scordare poi le Olimpiadi di Pechino e naturalmente il Roland Garros, il solo grande torneo che ancora gli manca.

Gli avversari, insomma, sono avvertiti: nel 2008 Federer vorrà vincere più che mai.

Alinghi concede il bis

Dal tennis alla vela il passo è grande, ma anche in questo caso di storia si tratta: il 2007 passerà ai posteri anche come l'anno in cui il sindacato svizzero Alinghi è riuscito ad aggiudicarsi per la seconda volta consecutiva la Coppa America, il più prestigioso trofeo velistico del mondo.

La regata decisiva della 32esima Coppa America, disputatasi nelle acque di Valencia, resterà sicuramente negli annali: in un arrivo sul filo di lana, Ernesto Bertarelli e i suoi sono riusciti a battere Team New Zealand con un solo secondo di distacco, "un secondo per l'eternità", titolava l'indomani un quotidiano svizzero!

Come già nel 2003, quando Alinghi sconfisse i neozelandesi per cinque regate a zero, il trionfo della squadra rossocrociata ha suscitato un grande fervore in Svizzera, primo paese senza mare ad aggiudicarsi questo trofeo e a riportarlo in Europa dopo 152 anni di dominio statunitense e neozelandese. Al rientro a Ginevra, un bagno di folla ha accolto gli eroi di Valencia, che hanno poi effettuato un giro della Svizzera per raccogliere i meritati applausi.

Una vittoria che ha dimostrato "che la Svizzera non è solo il paese dei cucù e della cioccolata", ha dichiarato Ernesto Bertarelli. Un trionfo – gli ha fatto eco la presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey – che simboleggia "l'innovazione, l'immaginazione e l'apertura al mondo, nonché il successo del multiculturalismo (l'equipaggio era composto principalmente da stranieri, ndr)".

La rinascita dello sci svizzero

I momenti di gloria dello sport svizzero nell'anno che sta per concludersi non si sono limitati però alla vela e al tennis.

Dopo un periodo buio, i mondiali di sci svoltisi in febbraio ad Are, in Svezia, hanno rilanciato alla grande lo sci elvetico, per lo meno in campo maschile. Gli atleti svizzeri sono saliti sei volte sul podio: era dai Mondiali di Sallbach nel 1991 che la squadra rossocrociata non raccoglieva così tanti allori.

La grande sorpresa è venuta da Daniel Albrecht, classe 1983, che ha conquistato l'oro nella combinata e l'argento in gigante. Un bronzo nella combinata se l'è aggiudicato pure un altro giovane, il 24enne Marc Berthod. Sul terzo gradino del podio sono salite pure le vecchie "volpi" Didier Cuche (gigante) e Bruno Kernen (Super G), quest'ultimo puntuale come sempre in occasione dei grandi appuntamenti. La Svizzera ha inoltre vinto un bronzo anche nella prova a squadre.

Degli ottimi risultati che hanno trovato conferma all'inizio di questa nuova stagione: già dopo poche gare gli svizzeri hanno fatto meglio che nei quattro inverni precedenti. Il raggio di sole di Are è diventato una bella schiarita.

swissinfo, Daniele Mariani

Roger Federer

Nato nel 1981, Roger Federer si trova al primo posto della classifica ATP dal febbraio del 2004.

Durante la sua carriera ha conquistato 52 titoli in singolare; 549 gli incontri vinti e 133 quelli persi. Al suo attivo ha in particolare 12 titoli nei tornei del Grande Slam.

Nel 2007, Federer ha vinto otto tornei: Australian Open, Dubai, Amburgo, Wimbledon, Cincinnati, US Open, Basilea e Shanghai.

È inoltre approdato quattro volte in finale, a Monte Carlo, al Roland Garros, a Montreal e a Madrid.

Fine della finestrella

Coppa America

La Coppa America è il più famoso e antico trofeo dello sport della vela. È assegnata al vincitore di una serie di regate fra l'imbarcazione del detentore della coppa (defender) e quella del suo sfidante (challenger).

La competizione, svoltasi per la prima volta nel 1851 in Inghilterra, fu vinta dall'imbarcazione America, del New York Yacht Club. Gli americani rimasero in seguito imbattuti per 132 anni (1983).

Nel 2003, Alinghi ha strappato la vittoria al defender New Zealand. Dopo oltre 150 anni il trofeo è così approdato di nuovo in Europa

Fine della finestrella

Mondiali di sci di Are

I campionati del mondo di sci alpino si sono svolti dal 3 al 13 febbraio 2007 ad Are, in Svezia.

La squadra svizzera si è aggiudicata sei medaglie. Daniel Albrecht, classe 1983, ha conquistato l'oro nella combinata e l'argento in gigante. Marc Berthod (1983) il bronzo nella combinata. Didier Cuche (1974) il bronzo in gigante. Bruno Kernen (1972) il bronzo in Super-G. La Svizzera si è inoltre aggiudicata la medaglia di bronzo nella prova a squadra.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza