«Un bambino difficile è qualcosa che non esiste»

Finire in affidamento è un evento che segna un bambino jugendhilfe-integration.ch


Basata a Eggiwil, nel canton Berna, la fondazione Integration offre un servizio a tutto campo ai minori in affidamento, un servizio che comprende classi di recupero, cure psichiatriche, sostegno alle famiglie affidatarie e gestione complessiva dei singoli casi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 settembre 2014 - 11:00
Clare O'Dea, Eggiwil, swissinfo.ch

La fondazione, che gode di un’ottima reputazione anche fuori Berna, comprende nella sua rete di sostegno 24 famiglie, coppie che hanno superato una severa selezione e hanno ricevuto una formazione professionale e che possono contare su una consulenza 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno.

«Anche se abbiamo avuto qualche conflitto, sono certo che nessuno sarebbe stato più adatto degli Aeschlimann. Erano buoni, retti. Davano compiti chiari e dicevano pane al pane e vino al vino».

È l’estratto di un’intervista pubblicata nella rivista della fondazione. Rico, oggi ventenne, ricorda il periodo passato in una fattoria, presso una famiglia affidataria collegata a Integration. I minori attualmente in affidamento non sono disponibili per un’intervista, per problemi di consenso.

«Finire in affidamento è un evento drastico nella vita di ogni bambino e li pone in una situazione complicata», dice Urs Kaltenrieder, cofondatore di Integration. Una cosa semplice, come fornire al bambino un apparecchio per la correzione dei denti, diventa una procedura intricata.

Ci sono varie parti coinvolte quando un bambino è dato in affidamento. Le famiglie affidatarie provvedono ai bisogni quotidiani dei bambini, assicurando che si sentano bene e al sicuro. Poi bisogna gestire i diritti di visita dei genitori biologici. La tutela legale del bambino può spettare a un cantone o a un comune, mentre il finanziamento arriva da un altro.

«Questi diversi attori devono lavorare insieme, senza frizioni, se no il bambino non ha possibilità. Integration si sente responsabile che questo avvenga», dice Kaltenrieder.

Ogni bambino sostenuto da Integration riceve una persona di contatto all’interno dell’organizzazione, un assistente sociale che coordina tutte le incombenze dell’affidamento.

Il personale può essere interpellato 24 ore su 24 durante tutto l’anno, così che se c’è una crisi, la famiglia affidataria e il bambino hanno qualcuno a cui rivolgersi. «Questo rende l’affidamento molto più sostenibile», dice il direttore di Integration Marc Baumeler.

Alcuni dei bambini che fanno capo a Integration all’età di 10 o 12 anni hanno già numerosi collocamenti alle spalle.

«Il dramma è che gli esperti sanno che la cosa più importante per un bambino che ha bisogno di sostegno a lungo termine è una relazione stabile», dice Kaltenrieder.

«Un ragazzo è passato da dieci collocamenti. Prescrivono tutte queste cure psicologiche e implicitamente le difficoltà sono attribuite al bambino. L’idea è che qualcosa in lui non vada. Ma un bambino difficile è qualcosa che non esiste. È solo un bambino che si trova in una situazione difficile».

«Quando un bambino è collocato nella nostra rete e possiamo osservarlo, constatiamo che tutti i sintomi che presenta – difficoltà di concentrazione, problemi relazionali, comportamento distruttivo – non sono altro che reazioni all’esperienza di essere dentro un sistema frammentato». 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo