Al lavoro col bachelor

Le scuole universitarie professionali assegneranno nei prossimi mesi i loro primi diplomi di bachelor. I neodiplomati puntano al lavoro e non al master.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2008 - 11:14

Sono circa 8'000 gli studenti che prossimamente porteranno a termine il primo ciclo di studi organizzato secondo i principi della Riforma di Bologna dalle Scuole universitarie professionali svizzere (SUP).

Dopo l'ottenimento del bachelor, la maggioranza è intenzionata ad entrare direttamente nel mercato del lavoro. In pochi pensano di continuare gli studi e iscriversi a dei corsi di master.

Per l'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT) questo dimostra che il diploma di bachelor corrisponde alle attese del mercato e che i diplomati rappresentano un valore considerevole per l'economia.

La Riforma di Bologna – che dovrebbe essere attuata da 46 paesi entro il 2010 – punta alla creazione di un'Area Europea dell'Istruzione Superiore, competitiva a livello internazionale. Per favorire la mobilità di studenti, ricercatori ed insegnanti, si sono voluti rendere più trasparenti e paragonabili tra di loro i vari diplomi.

È stato adottato un sistema fondato su due cicli: il bachelor, di durata non inferiore ai tre anni, e il master. Già col bachelor si può accedere al mondo del lavoro; il master – che corrisponde ai diplomi di licenza attuali – è indispensabile per continuare la carriera accademica (dottorato, ecc.).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo