Al varo i catamarani per l'Expo.02

I catamarani porteranno i visitatori dell'Expo da una sede all'altra. expo.02.ch

L'Expo.02 ha battezzato a Neuchâtel i due primi catamarani Iris. Trasporteranno i visitatori da una sede all'altra dell'esposizione nazionale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2001 - 12:07

Ai due battelli, costruiti in Francia, sono stati dati i nomi di «Lyon» e di «Sydney». La cerimonia con tanto di champagne si è svolta in presenza di Francis Matthey, ex consigliere di stato e padrino di «Lyon», e di Hans Stöckli, sindaco di Bienne e padrino di «Sydney».

A fine marzo è previsto l'arrivo degli altri quattro catamarani «New York», «Buenos Aires», «Johannesburg» e «Tel-Aviv». I nomi sono stati scelti in omaggio alle città che ospitano le più importanti comunità di svizzeri all'estero in ogni continente.

«Un confederato su dieci vive fuori dalla Svizzera: Expo.02 ha voluto in questo modo ricordare questa Quinta Svizzera e manifestare la sua volontà di apertura al mondo», sottolinea Laurent Paoliello, portavoce dell'esposizione nazionale.

Due grandi catamarani del tipo 6.2, che possono ospitare 350 passeggeri ciascuno, navigheranno unicamente sul lago di Neuchâtel. Le piccole Iris modello 3.1, con una capacità di 200 posti, collegheranno i laghi di Neuchâtel, Bienne e Morat. I tragitti da Neuchâtel per Yverdon, Morat o Bienne dureranno rispettivamente 40, 65 e 80 minuti.

L'Expo.02 - salvo nuovi imprevisti, in programma dal 15 maggio al 20 ottobre dell'anno prossimo - ha noleggiato i sei catamarani per 15 milioni di franchi al costruttore Iris Catamarans di La Rochelle. Le spese di trasporto, montaggio e smontaggio ammontano a tre milioni di franchi.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo