Alcoolismo: il ruolo dei comuni

Keystone

Agire a livello comunale per prevenire gli abusi nel consumo di bevande alcooliche: è quanto si prefigge un progetto pilota lanciato in una ventina di località della Svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 dicembre 2001 - 18:19

Ideato da Radix Promozione della salute, il programma è sostenuto dall'Ufficio federale della sanità pubblica, dalla Regia federale degli alcool e dall'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcoolismo e altre tossicomanie e si avvale della collaborazione dei comuni interessati.

Il consumo eccessivo di alcool nuoce anche alla qualità di vita della comunità: incidenti, violenza, vandalismi, sono alcune delle conseguenze che possono ripercuotersi sulla collettività, osservano i promotori del progetto in un comunicato pubblicato lunedì.

Le autorità dei comuni che aderiscono al programma collaborano con istituzioni di consulenza locali per rafforzare la prevenzione. Insieme studiano misure di sensibilizzazione e di informazione. Ad esempio, in alcune località, rendono attenti gli operatori della vendita e degli esercizi pubblici sulle prescrizioni legislative relative alla vendita di alcool a minorenni.

In un test effettuato alla festa della vendemmia a Mendrisio, i promotori del progetto avevano infatti constatato che ai ragazzi di età inferiore ai 16 anni, nei due terzi dei casi, venivano serviti alcoolici senza problemi.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo