Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Anche tre svizzeri sulla Rotta del Rum

I velieri poco dopo la partenza, pronti per la traversata atlantica

(Keystone)

Stève Ravussin, Yvan Bourgnon e Dominique Wavre sono tra i 74 navigatori solitari che domenica hanno mollato gli ormeggi a Saint-Malo in direzione di Pointe-à-Pitre, in Guadalupa.

Prima della partenza i tre navigatori hanno confessato speranze e paure a swissinfo.

Alla partenza della corsa leggendaria c'erano quest'anno anche gli svizzeri Stève Ravussin (trimarano Orange Project), Yvan Bourgnon (trimarano Brossard) e Dominique Wavre (monoscoccaTemenos). Tutti e tre potrebbero riportare la vittoria nella traversata più mediatizzata del circuito delle transoceaniche.

Nessuna rivincita

Grande perdente nel 2002 – si era rovesciato praticamente a gara vinta – Stève Ravussin non ha rivincite da prendersi.

"Ero già stato fortunato ad arrivare fin là. Non avevo realmente esperienza delle solitarie e nemmeno una buona barca. Ma così sono riuscito a trovare gli sponsor per ripartire oggi. La Rotta del Rum è importantissima, è un po' come un'olimpiade delle traversate".

Ognuno ci prova

Poco distante Yvan Bourgnon confessa: "Le tre imbarcazioni svizzere hanno tutte una possibilità di vincere. Non abbiamo mai avuto una preparazione così buona".

Yvan, fratello minore di Laurent Bourgnon, doppio vincitore della Rotta (1994, 1998) e detentore del primato assoluto del percorso (12 giorni, 8 ore e 41 minuti) è molto legato emotivamente a questa gara.

"La vittoria di Marc Pajot, nel 1982, mi aveva già fatto sognare. Poi ho seguito con passione le gare di mio fratello. Nel 1998 e nel 2002, sono partito senza veramente avere i mezzi per vincere. Oggi finalmente ci sono le condizioni per ottenere un buon risultato".

Fare il possibile

Al timone del suo monoscocca, Dominique Wavre non può dire altrettanto. "Temenos", la sua nuova imbarcazione, era pronta solo a fine agosto e l'ottimizzazione di una nuova barca dura dei mesi.

"Questa gara arriva un po' troppo presto. Non conosco ancora a fondo la barca. L'obiettivo sportivo passerà in secondo piano, dietro a quello tecnico. L'essenziale per me è rendere affidabile Temenos ".

Con un giro del mondo in doppio (Barcelona World Race; 2007) e un giro del mondo in solitaria (Vendée Globe Challenge; 2008) nel mirino, lo skipper di Ginevra cerca per questa volta di fare solo il possibile.

Ma se tutto va bene e le condizioni sono giuste punterà al podio, forse anche alla vittoria.

swissinfo: Saint-Malo, Pierre-Antoine Preti/Skippers magazine
traduzione: Raffaella Rossello

In breve

La Rotta del Rum è stata creata dal francese Michel Etevenon nel 1978.

Si disputa ogni quattro anni. L'ottava edizione è partita domenica. È una specie di olimpiade delle traversate.

La gara - 3500 miglia nautiche (6500 km) - va da Saint-Malo, in Francia, a Pointe-à-Pitre, in Guadalupa.

Comprende otto classi di imbarcazioni.

74 skipper solitari mollano gli ormeggi tutti insieme.

Lo svizzero Laurent Bourgnon ha vinto due volte la Rotta del Rum, sul trimarano Primagaz, nel 1994 e nel 1998.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza