Aperto il toto-successore del dimissionario Moritz Sutter

Tra i nomi dei possibili papabili alla successione del dimissionario Moritz Sutter i più accreditati sono finora quelli del tedesco Christoph Müller, attuale presidente della direzione di Sabena e di Coleman Andrews, un ex manager della South African Ai Keystone

Il giorno dopo le dimissioni di Moritz Suter dalla direzione di SAirLines circolano già le voci sul nome del suo successore. Quale favoriti sono nominato il tedesco Christoph Müller, attuale presidente della direzione di Sabena, e Coleman Andrews, un ex manager della South African Airways.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 marzo 2001 - 17:31

Il quotidiano economico belga De Financieel Economische Tijd è convinto che al posto di Suter sarà nominato Müller. Anche per i quotidiani svizzeri «Neue Zürcher Zeitung», «Tages Anzeiger» e «Blick» il prescelto dovrebbe essere Müller. Presso la Sabena giovedì non è stato possibile ottenere precisazioni. Müller dirige dall'estate scorsa la compagnia belga, in sostituzione di Paul Reutlinger. In precedenza era alle dipendenze della Lufthansa.

Il quotidiano romando «Le temps», citando Britta Simon, analista presso la Banca Sarasin, suggerisce Coleman Andrews, artefice della ristrutturazione della compagnia South African Airways.

Nel frattempo da Düsseldorf è giunta la notizia di un avvicendamento ai vertici della LTU Airline, compagnia tedesca in cui SAirGroup detiene il 49,9 percento. Con una direzione più ridotta, il ritmo di risanamento della seconda compagnia aerea tedesca dovrebbe registrare un'accelerazione. Un portavoce della LTU ha indicato all'agenzia stampa DPA che alla presidenza della direzione dovrebbe essere nominato Sten Daugaard, finora direttore delle finanze. Sostituirà Peter Frankhauser, che si era dimesso una settimana fa.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo