Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Assicurazione disoccupazione: parla il governo

Il governo vuole rendere più sicuro il finanziamento dell'assicurazione.

(swissinfo.ch)

La revisione della legge sull'assicurazione disoccupazione, in votazione il 24 novembre, è «sociale, solida ed efficace». Parola di Pascal Couchepin.

Secondo il ministro, un disoccupato su otto sarà colpito dalla riduzione delle prestazioni.

Anche se si è superato in Svizzera il limite dei 100'000 disoccupati, «è falso sostenere che la revisione cade in un periodo sfavorevole», ha dichiarato lunedì alla stampa il capo del Dipartimento federale dell'economia (DFE).

Egli ha ricordato che il testo è stato elaborato quando la situazione era peggiore. Inoltre, in caso di rifiuto, non sono stati preparati scenari sostitutivi, ha aggiunto.

Una legge "sociale"

La nuova legge è «sociale perché tiene conto delle difficoltà di determinate persone nel ritrovare un impiego». La riduzione da 520 a 400 dei giorni d'indennizzo non riguarderà i disoccupati di 55 anni e più.

Lo scorso anno - ha precisato Couchepin - la durata media di disoccupazione è stata leggermente superiore ai sette mesi.

«Soltanto» il 13 per cento dei disoccupati sarà colpito da questa riduzione, ha detto Couchepin. Si tratta in particolare di giovani e stranieri.

Inoltre, i cantoni con un tasso di disoccupazione superiore al 5 per cento per una durata di sei mesi potranno prolungare le indennità a 520 giorni per tutti.

Non giocare con il fuoco

Per il consigliere federale Couchepin, i sindacati che hanno lanciato il referendum contro la revisione «giocano con il fuoco». Alla luce della situazione finanziaria e del freno all'indebitamento, il «margine di manovra per ottenere un risultato migliore è praticamente nullo».

Il debito dell'assicurazione disoccupazione, che nel 1998 ammontava a 8,8 miliardi di franchi, sarà rimborsato alla fine dell'anno.

Anche se la revisione della legge fosse rifiutata, i tassi supplementari, introdotti urgentemente nel 1998, saranno soppressi alla fine del 2003.

Tuttavia, senza i correttivi della revisione, le casse dell'assicurazione rischiano di perdere un miliardo di franchi all'anno, ha ammonito Couchepin.

Riduzione dei contributi

Già a partire dal gennaio prossimo sarebbe possibile ridurre i contributi dal 3 per cento al 2,5 per cento.

Ciò permetterebbe ai datori di lavoro e ai dipendenti di risparmiare un miliardo di franchi. Dall'inizio del 2004, il tasso scenderebbe poi al 2 per cento.

Pascal Couchepin, che in precedenza aveva citato la possibilità di una riduzione al 2 per cento a partire dal luglio 2003, privilegia ora questo modello in due fasi. La decisione spetta al Consiglio federale, ha ricordato.

Il contributo di solidarietà

In merito poi al percento di solidarietà sulle parti di reddito tra 106'800 e 267'000 franchi, lo stesso non scomparirà del tutto.

Potrebbe infatti essere reintrodotto se i debiti dell'assicurazione disoccupazione dovessero superare i 5 miliardi, ha ricordato Couchepin, che in parlamento aveva difeso il mantenimento di questo punto percentuale.

Infine, la revisione permetterà di evitare gli abusi legati alla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l'UE.

Secondo il consigliere federale, il raddoppio - a 12 mesi - del periodo di versamento dei contributi che dà diritto all'ottenimento delle indennità di disoccupazione contribuirà alla lotta contro il «turismo della disoccupazione».

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Punti principali della revisione:
Tasso di contribuzione dal 3 al 2%;
Abolizione del contributo di solidarietà;
Periodo d'attesa da 6 a 12 mesi;
Durata d'indennizzo massima da 520 a 400 giorni;
Disoccupazione attuale: 2.7% (101'000 persone).

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×