Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Cassa malati unica: pro e contro

Testa a testa sul Tages Anzeiger dell'oncologo e consigliere nazionale socialista Franco Cavalli e Marc-André Giger, direttore dell'associazione delle casse malati Santé-suisse.

L'oncologo la difende, il dirigente è contrario all'idea della cassa pubblica.

Che una cassa malati unica possa risolvere tutti i problemi della sanità pubblica in Svizzera è semplicemente un'illusione, su questo punto sia Franco Cavalli che Marc-André Giger sono entrambi d'accordo.

Per il resto invece l'intervista mostra due diagnosi opposte per la cura all'esplosione dei costi della salute in Svizzera: "I problemi sono due: il primo che la classe media paga troppo e che i ricchi pagano troppo poco, il secondo l'aumento dei costi, come le cure inutili", dice Cavalli, che ritiene che una cassa unica sarebbe in grado di controllare meglio dottori e ospedali.

Per Giger invece una cassa malati unica comporterebbe maggiori rischi di abuso e più in là aggiunge un altro timore: "I medici diventerebbero semplicemente impiegati statali". Una conseguenza sarebbe a suo parere che i migliori non accetterebbero di lavorare a tariffe ridotte e si creerebbe quindi una medicina di prima e di seconda classe, come in Francia, secondo Giger.

Non la pensa così Franco Cavalli che cita l'esempio del Canada e dell'Olanda, dove esiste effettivamente la cassa pubblica unica e i medici non si sentono a disagio per questo, anzi.

"Abbiamo una confusione di 26 diversi sistemi cantonali, che non sono coordinati fra di loro. È più difficile per un abitante di Friburgo farsi curare a Berna, che per uno spagnolo a Helsinki."

Per Cavalli dunque la cassa malati unica ridurrebbe le spese, per Giger invece la statalizzazione comprometterebbe la qualità delle prestazioni senza provocare risparmi.

Swissinfo, Raffaella Rossello

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×