Coppa Davis: la Svizzera eliminata dalla Francia

La squadra svizzera di Coppa Davis: da sinistra, Federer, Manta, Rosset, Bastl e il capitano Hlasek Keystone

Nonostante un ottimo recupero nella giornata di domenica, la Svizzera non è riuscita a creare la grande sorpresa nei quarti di finale della Coppa Davis. Nell'ultimo e decisivo match, Georg Bastl ha perso contro il francese Nicholas Escudé dopo dopo cinque combattutissimi set.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 aprile 2001 - 08:55

Se un regista avesse voluto scrivere un copione per un film giallo, avrebbe dovuto trasferirsi a Neuchâtel dove nel week-end sono andati in scena i quarti di finale di Coppa Davis. In ritardo dopo la prima giornata per 2-0 e ad un passo dall'eliminazione, i rossocrociati hanno dapprima dimezzato le distanze vincendo il doppio. Operazione aggancio completata poi da Federer mentre Bastl ha dovuto arrendersi 8-6 al quinto set nel match decisivo.

Il pathos respirato in terra neocastellana ha superato, all'applausometro, gli indici raggiunti nel 1992 quando Hlasek-Mezzadri e Rosset raggiunsero la finale di Forth Worth, persa poi contro gli Stati Uniti. Malgrado la sconfitta infatti quella di Neuchatel è stata una dimostrazione di forza di una squadra che, oltre a Federer leader indiscusso, vede crescere bene sia Manta (nel doppio) sia quel Bastl che è andato vicino a scrivere il suo nome nell'albo d'oro dello sport svizzero.

Nella quinta e decisiva sfida, dopo un match durato oltre quattro ore e mezza, George Bastl (114 ATP) ha dovuto dare via libera a Nicolas Escudé (33 ATP) e alla Francia che a settembre affronterà quindi l'Olanda in semifinale. La Patinoire du Litoral, stipata in ogni ordine di posto (5'050 spettatori), ha applaudito vincitori e vinti, consapevole di aver assistito ad un turbinìo di emozioni.

Bastl può rammaricarsi per non aver sfruttato il match point nel tredicesimo game del quinto set, con Escudé ad un passo dall'eliminazione. Ma ai nostri rappresentanti non si può rimproverare nulla: Marc Rosset ha portato Arnauld Clement al quinto set, dopo 5 ore e 45 minuti di gioco, prima di arendersi al 15-13. Il punto che ci manca semmai è quello non conquistato da Roger Federer (in attrito con il coach Kuba Hlasek) venerdì contro Escudé. Il diciannovenne basilese non ha sopportato la pressione e ha dovuto arrendersi al quarto set. Peccato perchè Federer è uomo da tre punti e in futuro potrà dimostrarlo ancora in Coppa Davis.

Filippo Frizzi

I risultati:
Rosset-Clement 3-6; 6-3; 6-7; 7-6; 13-15
Federer-Escudé 4-6; 7-6; 3-6; 4-6
Manta-Federer/Pioline-Santoro 5-7; 6-3; 7-6; 6-7; 9-7
Federer-Clement 6-4; 3-6; 7-6; 6-4
Bastl-Escudé 6-1; 5-7; 7-6; 4-6; 6-8

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo