La musica, un diritto costituzionale

L'iniziativa popolare «gioventù + musica» è riuscita. Giovedì è stata consegnata alla Cancelleria federale con 145'000 firme valide.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 dicembre 2008 - 17:37

La proposta di modifica costituzionale chiede alla Confederazione e ai cantoni di promuovere la formazione musicale dei bambini e dei giovani. La Confederazione dovrebbe fissare dei principi per l'insegnamento musicale nelle scuole, per l'accesso dei giovani alla musica e per la promozione dei talenti musicali.

Fanno parte degli iniziativisti diversi musicisti, tra cui Stephan Eicher, Peter Reber e Marco Zappa, come pure la presidente della Società per la musica popolare in Svizzera, Silvia Delorenzi-Schenkel. Presiede il comitato d'iniziativa interpartitico la senatrice liberale radicale Christine Egerszegi-Obrist.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo