Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Davos campione diciassette anni dopo

I nuovi campioni svizzeri festeggiano la seconda rete nell'ultima partita contro i Lions di Zurigo

(Keystone)

Superando i Lions per 4 a 1 nel quarto incontro, disputato a Zurigo, i grigionesi si aggiudicano il titolo dopo aver dominato la stagione di hockey.

Il titolo ritorna in Valle: il campionato svizzero di hockey su ghiaccio è arrivato al capolinea e il nuovo campione è il Davos di Arno Del Curto. I gialloblù grigionesi si sono imposti in quattro partite nella finalissima contro i Lions, campioni uscenti.

La Juventus dell'hockey svizzero

Nonostante 17 anni di astinenza, il Davos rappresenta storicamente la Juventus dell'hockey elvetico: con il successo ottenuto questa stagione, i grigionesi conquistano il ventiseiesimo titolo della massima divisione di disco su ghiaccio. Un titolo, l'ultimo, atteso da tempo, ma ampiamente meritato, dopo che i ragazzi di Arno Del Curto hanno dominato la regular season e vinto, per la seconda volta consecutiva e con soli 4 rinforzi stranieri, la Coppa Spengler.

È Grande Slam e, se da una parte è merito soprattutto del gruppo, dall'altra c'è il chiaro zampino di Arno del Curto, tecnico "vulcanico" che ha saputo costruire e forgiare in corsa una vera squadra, composta da quattro blocchi eterogenei e complementari tra loro.

L'ultima volta non c'erano nemmeno i play-off

Al termine della stagione 1984-85 il Davos di laureò campione svizzero per l'ultima volta: erano i tempi di Richard Bucher in porta, del difensore-goleador statunitense Wilson, di Nethery e dei prodotti "locali" Paganini, Mazzoleni, Jacques, Claude e Sergio Soguel e Jörg Eberle.

Non c'erano ancora i play-off, dieci squadre in LNA, con le prime 6 che si giocavano il titolo in un mini-torneo, andata e ritorno, per un totale di 10 incontri. Alla guida di quella squadra c'era il tenebroso - ma dal cuore d'oro, giura chi lo conosce bene - Dan Hober, spilungone svedese che seppe infiammare il pubblico grigionese grazie ad un gioco molto solido ed estremamente redditizio.

Da Bucher a Weibel, da Wilson a Marha

Il capolavoro di Del Curto ha molte similitudini con quello di 17 anni fa: a partire dall'allenatore, istrionico e lungimirante e che ha saputo convincere i dirigenti che la squadra, per essere competitiva, avrebbe dovuto ingaggiare Reto von Arx e Michel Riesen, i due "transfughi" scottati e bocciati dalla National Hockey League.

Oltre a loro bisogna sicuramente menzionare un buon portiere come Weibel (ai tempi c'era un certo signor Bucher ...) e tre stranieri di razza: ai riconfermati Miller e Bohonos, si è aggiunto il ceco Josef Marha, centro venticinquenne arrivato da Norfolk, American Hockey League.

E pensare che Del Curto doveva essere esonerato

Il titolo del Davos significa che è possibile vincere il campionato anche senza difensori stranieri: serve un buon portiere (e Weibel lo è stato, tant'è che si è aggiudicato il Trofeo Jacques Plante) e il giusto mix tra giovani rampanti e stranieri esperti.

Un particolare prima di mandare in archivio il campionato e dedicarsi alla Nazionale: Del Curto ha conquistato il titolo al sesto anno di permanenza nei Grigioni. Lui che alla terza di campionato si trovava con 0 punti e - secondo i soliti fede-degni - con le valigie in mano. Poi però la Triade (Eberle, Gasser, Bachmann, cioè lo staff tecnico) spiegò al presidente Ernst Wyrsch che Del Curto andava confermato. E alla fine hanno avuto ragione loro...

Filippo Frizzi


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.