Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Due turisti svizzeri rapiti nello Yemen

Il villaggio Thoun nella provincia di Marib, dove i due svizzeri sono stati rapiti

(Keystone Archive)

Due turisti svizzeri sono finiti lunedì nelle mani di un gruppo tribale nella regione di Marib, nello Yemen.

Stando all'ambasciata elvetica in Arabia Saudita, negoziati per la loro liberazione sono già in corso.

Il Dipartimento degli affari esteri ha comunicato che due turisti svizzeri sono stati rapiti lunedì nello Yemen.

"Sappiamo che si tratta di un uomo e di una donna di nazionalità svizzera. Non conosciamo ancora le ragioni del loro rapitamento", ha comunicato a swissinfo Lars Knuchel, portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Il consolato svizzero nella capitale Sanaa si tiene in stretto contatto con le autorità yemenite per seguire la vicenda, ha affermato all'agenzia telegrafica svizzera l'ambasciatore Dominik Adler, di stanza in Arabia saudita.

Stando a notizie dell'agenzia di stampa tedesca Dpa, raccolte tra la popolazione locale, i due cittadini svizzeri si erano recati nella provincia di Marib, 195 chilometri a nord della capitale, per una visita di tipo culturale.

Secondo fonti locali, gli assalitori vorrebbero servirsi dei due cittadini svizzeri quale moneta di scambio per la liberazione di uno dei loro capi arrestati dalla polizia.

Adler non ha potuto confermare se dietro i rapitori vi siano membri della tribù citata dall'agenzia di stampa tedesca, né se è stato chiesto un riscatto.

Tradizione locale

Il rapimento di stranieri da parte di tribù nello Yemen è spesso utilizzato quale mezzo di pressione sul governo, ad esempio per ottenere la liberazione di parenti o per rivendicare aiuti statali.

Sul suo sito Internet, il Dipartimento federale degli affari esteri mette in guardia gli Svizzeri che intendono recarsi nello Yemen. I viaggi in questo paese comportano rischi «importanti».

Il DFAE sconsiglia quindi di viaggiare da soli e senza una guida locale a causa delle tensioni esistenti tra le tribù.

Inoltre, nella provincia di Saada, nel nord-ovest del paese, la ribellione armata condotta dal predicatore Al-Houthi contro il governo di Sanaa ha già fatto numerosi morti.

I rapimenti di stranieri sono stati ugualmente numerosi negli ultimi anni. In alcuni casi gli ostaggi sono deceduti.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Con 536'000 metri quadrati, lo Yemen ha una superficie quasi così grande come quella della Francia.
In seguito alle tensioni tribali e ai rischi di rapimento, il Dipartimento federale degli affari esteri raccomanda di non viaggiare da soli e senza guida nello Yemen.
Negli ultimi anni, numerosi turisti sono stati rapiti da gruppi tribali, che cercavano di ottenere danaro o la liberazione di parenti detenuti dalle autorità.

Fine della finestrella

In breve

Lo Yemen del nord ha conseguito l'indipendenza dall'Impero ottomano nel 1918.

La nascita dello Yemen del sud nel 1967 fa seguito al ritiro delle truppe britanniche, che vi avevano istaurato un loro protettorato.

Dopo due decenni di ostilità, nel 1990 i due paesi hanno concordato la loro riunificazione nella Repubblica dello Yemen.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×