Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Economia svizzera, meglio del previsto nel 2010

Malgrado il momento favorevole, l’economia elvetica non può ancora tirare un sospiro di sollievo. Stando al Centro di ricerca congiunturale del politecnico di Zurigo (KOF), la crescita economica svizzera verrà rallentata nel 2011 dal valore del franco.

Per il 2010, invece, il KOF ha ritoccato nettamente verso l’alto le previsioni: il tasso d’espansione toccherà il 2,7% contro l’1,8% indicato tre mesi fa. La Svizzera farà quindi meglio dell’Unione europea (+1,6%) e degli Stati uniti (+2,6%), hanno precisato lunedì gli specialisti zurighesi.

Nel 2011, gli esperti dell’istituto si attendono una crescita dell’1,8%, 0,2 punti in più rispetto alle previsioni del mese di giugno. Tuttavia, lo sviluppo congiunturale verrà frenato dall’incerto clima economico mondiale e dal vigore del franco svizzero rispetto a euro, dollaro e sterlina.

A farne le spese saranno specialmente il turismo e l’economia d’esportazione. Il settore turistico ha fatto segnare già nel 2010 una flessione di clienti della zona euro. Le esportazioni di merci dovrebbero passare dal +8,9% di quest'anno al +2,9% nel 2011.

Secondo il KOF, la domanda di consumo salirà dell'1,9% quest'anno e dell'1,6% l'anno prossimo. Per gli investimenti in macchinari e impianti gli specialisti puntano su un aumento del 4,2% nel 2010 e del 5,4% nel 2011. Anche le costruzioni si muovono su terreno favorevole: +1,6% nel 2010 e +1% nel 2011.

Quanto al mercato del lavoro, il KOF pronostica un tasso di disoccupazione media del 3,8% per il 2010, del 3,2% per il 2011 e del 2,8% per il 2012. I salari, invece, non dovrebbero aumentare in maniera considerevole. Gli esperti del Politecnico prevedono anzi una riduzione della busta paga.

swissinfo.ch e agenzie

swissinfo.ch


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza