Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Economia svizzera in crescita

Gli esperti della divisione di gestione patrimoniale di UBS prevedono per il 2010 una crescita del Prodotto interno lordo (Pil) pari al 2,5%. Meno ottimiste invece le previsioni della Segreteria di Stato dell'economia e della Banca Nazionale svizzera.

Il Pil svizzero salirà del 2,5% quest'anno e del 2,1% nel 2011, si legge in un comunicato di UBS Wealth Management.

Grazie a questa progressione anche la situazione del mercato del lavoro si svilupperà in modo «molto rallegrante», indicano gli esperti della principale banca elvetica: il tasso di disoccupazione medio si attesterà quest'anno al 3,9% e al 3,4% nel 2011.

Secondo un'indagine condotta da UBS presso le aziende, l'industria svizzera si è ristabilita nel corso del secondo trimestre. Rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, sono infatti migliorati i fatturati, i profitti, le ordinazioni e la produzione.

L'inflazione sarà rispettivamente dell'1,0% e dell'1,5%. Per scongiurare il pericolo di un'elevata inflazione e per calmare la situazione sul mercato immobiliare, prevedono gli analisti di UBS, la Banca nazionale svizzera (BNS) opererà una stretta monetaria nel mese di settembre.

La Segreteria di Stato dell'economia prevede dal canto suo una crescita del Pil dell'1,8% (1,6% nel 2011), mentre la BNS preannuncia per quest'anno un aumento del 2%.

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×