Navigation

"I bassi tassi d'interesse distorcono i segnali del mercato"

Alexandra Janssen ha una visione molto critica del ruolo delle banche centrali nel nuovo episodio del podcast "Geldcast" tenuto da Fabio Canetg. Geldcast

Le banche centrali devono rivedere la propria politica monetaria, afferma Alexandra Janssen. Invitata al podcast di SWI swissinfo.ch 'Geldcast' (in tedesco), la CEO di ECOFIN Portfolio Solutions auspica un aumento delle riserve di capitale da parte delle banche centrali. Ecco le sue dichiarazioni più interessanti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 giugno 2021 - 17:52
Fabio Canetg

"Non va affatto bene!". È così che Alexandra Janssen giudica la politica monetaria della Banca Centrale Europea (BCE). Janssen è la nuova figura della scena economica liberale in Svizzera.

E sa di cosa parla: come dottoranda in finanza all'Università di Zurigo, si è dedicata intensamente allo studio della politica monetaria internazionale. Da anni, le principali banche centrali del mondo tentano di aumentare l'inflazione.

Il "Geldcast" di swissinfo.ch

Fabio Canetg ha un dottorato in politica monetaria presso l'Università di Berna e la Toulouse School of Economics. È docente all'Università di Neuchâtel. Come giornalista freelance, scrive per swissinfo.ch e Republik. È autore e produttore del podcast di politica monetaria "Geldcast”.

End of insertion

"E qui non è successo praticamente nulla", dice l'esperta di politica monetaria. I programmi di acquisto multimiliardari della banca centrale statunitense Fed e della BCE hanno già avuto un impatto, sostiene l'economista, "ma non dove le banche centrali avrebbero voluto".

Infatti, l'inflazione negli Stati Uniti è stata in media dell'1,7% all'anno negli ultimi 12 anni - al di sotto dell'obiettivo del 2%. L'inflazione nella zona euro è stata ancora più bassa durante questo periodo, all'1,2%.

Janssen chiede quindi un ripensamento: con la loro politica di bassi tassi d'interesse, le banche centrali stanno distorcendo i mercati. "I bassi tassi d'interesse hanno un impatto negativo sull'economia".

Per Janssen, è chiaro: "Le banche centrali dovrebbero ridimensionare la loro politica monetaria espansiva per non distorcere ulteriormente i mercati con i loro interventi".

Le banche centrali finanziano gli Stati

Tuttavia, un tale scenario è solo ipotetico. Negli Stati Uniti, il presidente della Fed Jerome Powell ha promesso di recente che i tassi d'interesse rimarranno a zero fino a quando l'inflazione non supererà il 2% per un lungo periodo di tempo.

Così, il denaro a buon mercato continua a fluire nei mercati finanziari, dove i prezzi delle azioni raggiungono nuovi massimi. Janssen parla di una "inflazione dei prezzi dei beni".

Le banconote fresche di stampa non stanno fluendo più solamente nei mercati finanziari, ma anche nelle casse statali, secondo l'amministratrice delegata di ECOFIN Portfolio Solutions.

"Il nuovo debito negli Stati Uniti e in Europa è stato finanziato dalle banche centrali durante la crisi del coronavirus".

Oggi, la BCE è il più grande creditore degli Stati dell'euro, rileva. Essendo esperta dei mercati finanziari, Janssen lo trova problematico.

L'esperta di politica monetaria Alexandra Janssen. Geldcast

Il pericolo dei bilanci sproporzionati delle banche centrali

Perché esiste questo pericolo? Perché gli Stati stanno diventando sempre più dipendenti dai bassi tassi di interesse. A un certo punto, tuttavia, la politica monetaria dovrà essere normalizzata di nuovo, dice Janssen. Per lei questo significa due cose.

In primo luogo, dice, la massa monetaria deve essere ridotta. Questo è importante secondo Janssen perché i grandi bilanci delle banche centrali rappresentano un rischio politico per la loro indipendenza. Più le banche centrali emettono denaro, più gli investimenti delle autorità monetarie diventano il centro delle discussioni politiche. In Svizzera, per esempio, l'anno scorso si è votato se la Banca Nazionale Svizzera (BNS) dovesse essere autorizzata a investire il suo denaro in aziende che producono materiale bellico.

Per questo motivo, le banche centrali dovrebbero investire nel modo più "neutrale possibile rispetto al mercato", afferma Janssen. Questo significa fare investimenti orizzontali e mirati in singoli settori. "Cosa significa esattamente la neutralità del mercato è una grande questione", ammette tuttavia l'economista. Dopo tutto, le banche centrali possono investire solo in aziende che sono quotate in borsa. Questo mentre le panetterie di quartiere vanno in rovina. "Anche se ci si sforza di investire in modo neutrale rispetto al mercato, non ci si riuscirà mai del tutto". Per Janssen, questo dimostra che i bilanci delle banche centrali devono essere ridotti al più presto.

Le banche hanno bisogno di più riserve

In secondo luogo, se la politica monetaria dovesse invertire la rotta, i tassi d'interesse dovrebbero aumentare. "Ma idealmente ciò non dovrebbe accadere troppo rapidamente", avverte Janssen. Il motivo: "Se i tassi d'interesse aumentano, c'è un grande rischio di perdita per le banche commerciali". Le banche possono affrontare tutto questo solo se hanno abbastanza riserve di capitale. "L'equità è costosa, ma porta molta sicurezza", dice l'esperta finanziaria, aggiungendo che le banche dovrebbero possedere un capitale proprio maggiore di quanto non facciano oggi.

Perché Janssen è impegnata in questo dibattito? "In Svizzera, in particolare, tutti possiamo essere toccati dalla questione. Nella politica monetaria è difficile sentirsi coinvolti, ma anche qui sono necessarie delle opinioni", sostiene l’esperta. 

L'intera conversazione può essere ascoltata sul podcast "GeldcastLink esterno" di Fabio Canetg su SWI swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.