Navigation

Un esperto chiede una nuova strategia per la BNS

Keystone / Peter Klaunzer

Yvan Lengwiler, professore di macroeconomia all'Università di Basilea, chiede alla Banca nazionale svizzera (BNS) di ripensare la sua politica monetaria. Ecco le sue dichiarazioni più interessanti tratte dall'intervista contenuta nel podcast di swissinfo.ch in tedesco Geldcast.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2021 - 14:30
Fabio Canetg

"Se qualcuno osa criticare la BNS, è come se attaccasse il sistema". Così dice Yvan Lengwiler, professore di macroeconomia all'Università di Basilea nel podcast GeldcastLink esterno di swissinfo.ch.

Tuttavia, lui e due colleghi hanno recentemente fondato l' Osservatorio della BNSLink esterno. Così facendo, spera di contribuire a un più ampio dibattito sulla Banca nazionale svizzera.

Banca nazionale

Le banche centrali sono tra le istituzioni più influenti di un paese. Questo vale non solo per la Banca Nazionale Svizzera (BNS), ma anche per la Banca Centrale Europea (BCE) e la Federal Reserve degli Stati Uniti (Fed).

Nel podcast "GeldcastLink esterno", Fabio Canetg discute di temi di politica monetaria internazionale con ospiti provenienti dal mondo accademico, dall'industria finanziaria e dalla politica.

End of insertion

"In Svizzera si parla troppo poco della BNS"

Lengwiler come critico della BNS? Non è sempre stato così. Nel 2011 è intervenuto sul quotidiano zurighese Neue Zürcher Zeitung: "Sono convinto che la BNS sappia esattamente cosa sta facendo". Dieci anni dopo, afferma: "Oggi sono meno sicuro che la BNS abbia la situazione sotto controllo come un tempo".

Cosa è successo da allora?

Nel settembre 2011, sotto l'allora presidente Philipp Hildebrand, la BNS ha introdotto il tasso di cambio minimo con l'euro. L'attuale presidente della BNS Thomas Jordan lo ha sorprendentemente revocato nel gennaio 2015. La ragione: il tasso di cambio minimo non era più "sostenibile".

"Non riesco ancora a capirlo", dice Lengwiler. Da quando il tasso di cambio minimo è stato revocato, i tassi d'interesse in Svizzera sono al minimo storico: -0,75%. Tagli significativi dei tassi d'interesse sono quindi fuori questione. In pratica, la BNS ha abbandonato i tassi d'interesse come strumento di politica economica, dice Lengwiler.

Eppure, ha detto, la BNS "essenzialmente" non è aperta ai dibattiti di politica monetaria. "Si parla troppo poco della BNS in Svizzera". Ecco perché ora si è inserito nella discussione.

"La gestione delle aspettative inflazionistiche è il fulcro della politica monetaria"

Tra le altre cose, Lengwiler mette in discussione gli obiettivi inflazionistici della BNS. Attualmente, la BNS sta cercando di mantenere l'inflazione tra lo zero e il due per cento. Questo obiettivo è troppo vago. Lengwiler chiede alla BNS di fissare un obiettivo di inflazione del 2%. Questo darebbe alle persone un migliore orientamento: "Se la BNS avesse un obiettivo del 2%, lo sapremmo: la BNS cercherà di aumentare l'inflazione". Attualmente, l'inflazione in Svizzera si attesta attorno al -0,5%.

Un obiettivo d'inflazione più alto porterebbe ad aspettative d'inflazione maggiore. Questo aiuta il ristoratore o il fruttivendolo. Il motivo: prezzi più alti significano per loro maggiori introiti. Di conseguenza, diventa improvvisamente redditizio installare una nuova cucina o rinnovare la serra. Questo a sua volta incoraggia falegnami e carpentieri, perché ottengono più ordini. L'aumento delle aspettative di inflazione aiuta quindi l'economia.

Per questo motivo, Lengwiler crede che la gestione delle aspettative relative ai prezzi sia "l'essenza della politica monetaria". Questo è particolarmente importante se i tassi di interesse non possono essere abbassati ulteriormente. La BNS ha "colpevolmente trascurato" questo compito.

Le questioni legate alle persone sono irrilevanti

Lengwiler chiede quindi una gestione più efficace delle aspettative inflazionistiche da parte della BNS. Ma queste aspettative aumenterebbero davvero se la BNS annunciasse un obiettivo inflazionistico più alto? Lengwiler è convinto di sì. La credibilità della BNS è alta. Non importa che il presidente della BNS Jordan sia percepito dal pubblico come avverso all'inflazione. "Se un rappresentante della BNS annunciasse che la BNS ha un obiettivo inflazionistico del 2%, questo avrebbe un peso. Anche se lo dice Thomas Jordan".

Ma l'annuncio da solo non sarebbe sufficiente per aumentare l'inflazione: "La BNS deve anche presentare un piano per raggiungere questo obiettivo", dice Lengwiler. A tal fine, propone una nuova strategia di cambio. La BNS dovrebbe attuare una svalutazione del franco svizzero di qualche punto percentuale all'anno. Per esempio, dall’1,11 di oggi all’1,13 rispetto all’euro entro la fine del 2021. Questo renderebbe le importazioni più costose e avrebbe anche un impatto sui prezzi in Svizzera (leggi qui).

Negli ultimi dieci anni, la BNS ha fatto in modo che il franco non si apprezzasse troppo rapidamente. Per questo motivo la BNS ha acquistato valute estere per un valore equivalente a circa 690 miliardi di franchi. Nonostante questi interventi, il tasso di cambio dell'euro è sceso dall’1,48 nel 2010 all’1,11.

Intervenire meno

Secondo Lengwiler, questa tendenza dovrebbe essere invertita. Questo non porterebbe a un'esplosione del bilancio della BNS? No, il professore di macroeconomia ne è convinto. L'esperienza del tasso di cambio minimo sull'euro lo dimostra: "La BNS è intervenuta meno durante il periodo del tasso di cambio minimo rispetto a quando il tasso di cambio minimo è stato tolto. Ecco perché per lui è chiaro: "Se offri chiarezza ai mercati finanziari relativa agli obiettivi di cambio che stai perseguendo, allora devi intervenire meno nell’economia".

L'intera intervista può essere ascoltata sul GeldcastLink esterno di swissinfo.ch.

Contenuto esterno

L'autore Fabio CanetgLink esterno ha conseguito un dottorato in politica monetaria presso l'Università di Berna e la Toulouse School of Economics. Ora è docente all'Università di Neuchâtel.

Come giornalista freelance, scrive per swissinfo.ch e Republik. Modera il podcast di politica monetaria "GeldcastLink esterno". 

End of insertion

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.