Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Ex regie federali: salari senza limiti

Quanto valgono i responsabili delle ex regie federali?

(Keystone Archive)

Probabilmente non sarà fissato alcun limite per i salari dei quadri delle imprese legate alla Confederazione.

Il Consiglio nazionale, seguendo il governo, ha preferito delle semplici raccomandazioni. Ma ha richiesto un'assoluta trasparenza.

Con 83 voti contro 78, i deputati non hanno voluto fissare dei valori di riferimento per salari, onorari, previdenza professionale e indennità di partenza dei quadri.

Solo la sinistra e una parte del PPD hanno sostenuto questa proposta della commissione preparatoria.

Non si trattava di fissare un importo bensì un ordine di grandezza, ha sostenuto invano Rudolf Joder a nome della commissione. Il tutto per metter fine ad un'esplosione di questi redditi che ha scioccato la popolazione.

Mentre un consigliere federale guadagna circa 400'000 franchi annui, i quadri delle ex-regie arrivano ad incassare anche più di un milione.

E quando se ne vanno, si attribuiscono dorate indennità "di buona uscita" mentre le loro aziende, in nome della razionalizzazione, licenziano del personale, ha aggiunto il socialista Pierre Tillmanns.

Legge del mercato

Le ex-regie sono delle aziende autonome e il governo non dove interferire con la loro attività, ha replicato il radicale Edi Engelberger.

Come il Consiglio federale, la maggioranza borghese ha adottato questa posizione. In sostanza la determinazione delle condizioni d'assunzione dei dirigenti deve avvenire sulla base del principio dell'offerta e della domanda.

La Posta, le FFS, Swisscom o la SSR devono vivere secondo i criteri dell'economia privata, ha aggiunto il ministro delle finanze Kaspar Villiger. Per assumere persone qualificate, queste imprese devono proporre salari conformi a quelli praticati sul mercato, ha insistito il presidente della Confederazione.

Ora il governo dovrebbe dunque limitarsi a fissare dei principi salariali, oggetto poi di una dichiarazione d'intenti da parte delle imprese interessate.

Trasparenza totale

Con 97 voti contro 55, la Camera del popolo non ha però ascoltato il Consiglio federale in materia di trasparenza dei salari. L'UDC - fatto più unico che raro - si è alleata alla sinistra per esigere la pubblicazione dei redditi individuali di tutti i quadri superiori. Pure le indennità di partenza andranno pubblicate.

Queste regole dovrebbero valere anche per gli alti livelli gerarchici dell'amministrazione federale. La Svizzera è uno dei pochi paesi al mondo a non pubblicare tali informazioni. La popolazione vuole conoscere questi dati, ha aggiunto Pierre Tillmanns.

Il Consiglio federale, evocando le garanzie di protezione dei dati e della personalità, proponeva di rendere pubblici soltanto i salari e gli onorari massimi dei responsabili delle direzioni delle ex-regie.

Il progetto di legge sulla retribuzione dei quadri delle imprese legate alla Confederazione è stato quindi accettato con 127 voti contro 13. Il Consiglio degli Stati, la seconda camera federale, deve ancora pronunciarsi sulla materia.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Salari e premi 2001 dei grandi responsabili:
SRS SSR idée suisse: 422'000 franchi;
FFS: 600'000 franchi;
Posta: 700'000 franchi;
Swisscom: 1.2 milioni di franchi;
Un consigliere federale guadagna 400'000 franchi all'anno.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.