Expo2000 di Hannover: presentato il padiglione svizzero

Interamente in legno, guiderà i visitatori alla scoperta di nuovi suoni. L'esposizione universale aprirà i battenti giovedì prossimo, ma in Germania già si teme che il previsto arrivo di 40 milioni di visitatori possa intasare la città.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 maggio 2000 - 16:32

Completamente in legno, aperto da tutti i lati e pieno di suoni. È il padiglione svizzero che fino al 31 ottobre presenterà il paese ai visitatori dell'esposizione universale di Hannover, le cui porte si apriranno ufficialmente la settimana prossima.

Il padiglione è stato presentato dall'architetto stesso, il grigionese Peter Zumthor, per il quale deve rappresentare un luogo di rilassamento e di scoperta di nuovi suoni. Facilitata, ovviamente, dalla presenza di vari musicisti.
La costruzione misura 50 metri di larghezza e di lunghezza, per sette metri d'altezza. Rispetto a quanto previsto, il padiglione è costato più del previsto alla Confederazione: 25,5 milioni di franchi.

L'Expo 2000 di Hannover sarà consacrata «all'avvento di un nuovo mondo», attorno a Uomo, Natura e Tecnologia. La Germania spera di poter accogliere 40 milioni di visitatori (260 mila al giorno). Una cifra giudicata ottimistica dalla stampa tedesca, per la quale quest'eventualità rischierebbe di intasare la città, che conta solo mezzo milione di abitanti.

L'esposizione si estende su 170 ettari ed accoglie i padiglioni di 175 paesi (tra cui non figurano gli Stati Uniti, assenti per motivi budgetari). A questi si aggiunge anche un parco tematico, che su 100 mila metri quadrati presenterà un panorama di soluzioni innovative nel settore dell'energia e dell'ecologia. Un approccio ottimistico che non ha mancato di sollevare alcune reticenze.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo