Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Federer nuovamente sportivo mondiale dell'anno

Roger Federer posa con il trofeo dello «sportivo mondiale dell'anno»

(Keystone)

Il tennista svizzero Roger Federer è stato insignito per la terza volta consecutiva del titolo di «sportivo mondiale dell'anno» in occasione dei Laureus Sports Awards a Barcellona.

Federer, che ha vinto tre dei quattro tornei del Grande Slam lo scorso anno, è stato premiato per il suo ininterrotto dominio nel mondo del tennis maschile.

Nonostante l'attuale calo di forma sui campi da tennis, il 25enne basilese è stato di nuovo onorato per i risultati eccezionali della passata stagione.

Nell'unico premio globale per i migliori sportivi dell'anno lo svizzero ha avuto la meglio sul golfista Tiger Woods, sul campione del mondo di Formula 1 Fernando Alonso, sul «calciatore dell'anno» Fabio Cannavaro, sullo sprinter Asafa Powell e sull'ex-asso della Formula 1 Michael Schumacher.

Roger Federer è il primo e unico sportivo a cui sia stato assegnato per tre volte il premio dei Laureus Sports Awards.

Risultati impressionanti

I risultati ottenuti da Federer negli ultimi dodici mesi sono impressionanti. Il tennista ha vinto tre dei quattro tornei del circuito del Grande Slam e in maggio è arrivato in finale anche nel quarto torneo, il French Open di Parigi. Inoltre ha trionfato anche agli ATP-Masters a Shangai alla fine dello scorso anno.

Nonostante le recenti sconfitte nei tornei di Indian Wells e Key Biscane, Federer continua a dominare incontrastato la classifica dei migliori tennisti al mondo. Poche settimane fa il tennista basilese ha infranto il record di Jimmy Connors in testa alla classifica ATP. Federer siede ininterrottamente sul trono del tennis mondiale da 166 settimane.

Oltre a Federer, anche un'altra sportiva svizzera era candidata a uno dei premi Laureus. Si tratta della sportiva su sedia a rotelle Edith Hunkeler. Per la 34enne lucernese, che ai campionati del mondo 2006 in Olanda ha vinto tre medaglie d'oro e due di bronzo, si tratta della prima candidatura ai Laureus. «Sportivo disabile dell'anno» è stato tuttavia nominato il tedesco Martin Braxenthaler.

Serena succede a Martina

Nella categoria «sportiva dell'anno» ha trionfato la saltatrice con l'asta russa Jelena Isinbajewa. La quasi 25enne di Wolgograd ha vinto, oltre all'oro ai giochi olimpici del 2004 e ai campionati del mondo del 2005, il titolo di campionessa europea lo scorso anno a Göteborg.

Dopo Martina Hingis è Serena Williams quest'anno ad assicurarsi la categoria «comeback dell'anno». La più giovane delle due sorelle Williams ha trionfato in gennaio negli Open d'Australia, nonostante fosse scivolata alla posizione 81 della classifica mondiale. Lo scorso fine settimana Williams ha vinto anche il torneo Masters Series a Key Biscane.

«Squadra dell'anno» è stata designata come previsto la nazionale italiana di calcio italiana, vincitrice dei campionati del mondo in Germania. L'organizzatore dei mondiali Franz Beckenbauer ha dal canto suo ricevuto un premio alla carriera.

swissinfo e agenzie

In breve

Roger Federer ha vinto circa 70 premi, tra cui quello di sportivo svizzero dell'anno nel 2004, 2006 e 2007. Nel 2005 il pubblico gli ha preferito il motociclista Thomas Lüthi.

Mentre il record di Pete Sampras, vincitore di 14 tornei del Grande Slam, rimane lontano (Federer ne ha vinti «solo» 10), il tennista basilese ha già inanellato una serie invidiabile di record, tra cui quello del maggior numero di punti nella classifica dei tennisti – 8370 nel 2006 – e la cifra più elevata di premi incassati in un anno – 8'343'885 dollari nel 2006.

Alcune settimane fa Federer ha battuto il record di permanenza in testa alla classifica del tennis, che da 30 anni apparteneva a Jimmy Connors (160 settimane). Federer è il numero uno dal 2 febbraio 2004.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera