Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Franz Steinegger: "L'Expo non è una scuola reclute"

Per Franz Steinegger, preidente del comitato direttivo, l'Expo ha contribuito alla discussione sull'identità svizzera, ma senza imporre visioni univoche.

I risultati dell'Expo

"Prima di tutto, possiamo dire con una certa soddisfazione che siamo riusciti a realizzare un grande progetto. In secondo luogo l'esposizione ha contribuito ad un'intensa riflessione sull'identità svizzera e anche sull'identità dei cantoni".

"Terzo punto: è stato un gioioso incontro federale. E quarto: gli elementi dell'identità svizzera sono stati affrontati con benevolenza, a volte con ironia. Hanno avuto alcune conferme e subito delle correzioni. Direi che l'identità svizzera ha trovato un nuovo equilibrio rispetto alle esigenze del presente e del futuro."

L'identità svizzera

"Non credo però che un'esposizione nazionale possa definire l'identità di un paese. Altrimenti non si tratterebbe di un'esposizione, ma di una scuola reclute, dove qualcuno ha delle risposte univoche sulla questione dell'identità."

"Una moderna esposizione nazionale deve dare la possibilità di confrontarsi con la questione dell'identità, senza scivolare nella pedagogia. Abbiamo voluto creare un'atmosfera in cui ogni individuo potesse riflettere e trarre le proprie conclusioni."

Intervista: Andrea Tognina, swissinfo

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×