Giustizia ticinese: arrestato il giudice Franco Verda

Un'immagine ufficiale del giudice Franco Verda al lavoro, prima che si scatenasse la bufera giudiziaria che lo ha portato in carcere Keystone

Il giudice ticinese Franco Verda, presidente del Tribunale penale di Lugano, è agli arresti da venerdì, su ordine del procuratore pubblico straordinario Luciano Giudici. L'annuncio dell'arresto diramato sabato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 agosto 2000 - 15:40

Verda è accusato di corruzione passiva, favoreggiamento e ripetuta violazione del segreto d'ufficio. Lo rende noto un comunicato diramato sabato dal procuratore pubblico straordinario Giudici. Il giudice dell'istruzione e dell'arresto ha confermato il fermo di Verda.

Verda è chiamato in causa per la sua amicizia con il presunto boss del contrabbando di sigarette Gerardo Cuomo. Diverse fotografie apparse sulla stampa ritraggono i due insieme. Gerardo Cuomo, il cittadino italiano residente in Ticino, arrestato lo scorso giugno a Zurigo, è accusato di traffico internazionale di sigarette e di armi, di smercio di droga e di riciclaggio di denaro sporco.

Il giudice Verda avrebbe inoltre informato in anticipo il Cuomo che stavano per essere sequestrati diversi milioni di franchi appartenenti a Francesco Prudentino, presunto boss della mafia e trafficante di sigarette.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo