Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

I grandi distributori distruggono alimenti agli antibiotici

Migliaia di polli agli antibiotici vengono inceneriti dai grandi distributori elvetici invece di finire nei nostri piatti

(Keystone)

Il divieto generalizzato di importazione per la carne di pollo cinese ha serie conseguenze per i grossi distributori elvetici.

In questi giorni Migros e Coop stanno infatti distruggendo grossi quantitativi di cibo contententi la carne «incriminata». La Migros sta bruciando circa 200 tonnellate di alimenti, ha indicato il portavoce Urs-Peter Naef. La misura non riguarda solo i tranci di pollo cinese ma anche una quarantina di prodotti che contengono estratti o pezzettini di tale carne: ravioli, ripieni per vol-au-vent, involtini primavera surgelati, Nasi-Goreng, riso al curry, salsa ai funghi, tartine e panini al pollo.

Pollo europeo

Entro la metà della prossima settimana gli spazi vuoti negli scaffali della Migros saranno di nuovo riempiti, ha aggiunto Naef: i prodotti saranno confezionati con carne di pollo europea.

Anche Coop ha tolto dai negozi una cinquantina di articoli, corrispondenti al fatturato annuo di 50 milioni di franchi. Il grande distributore sta provvedendo a bruciare prodotti freschi ed altri alimenti in cui sono stati riscontrati valori degli antibiotici superiori alla norma, ha indicato il portavoce Karl Weisskopf.

Coop non ha ancora deciso cosa fare di altri prodotti surgelati, quali nuggets di pollo o fettine impanate: le possibilità sono due- ha indicato Weisskopf - o distruggerli o se possibile venderli a terzi. In ogni caso Coop non intende più vendere carne di pollo cinese. I vuoti lasciati negli scaffali dal questi provvedimenti verranno riempiti entro la fine del mese, soprattutto con prodotti tedeschi.

swissinfo e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera