Identificato il gene dell'ischemia cerebrale

La partnership Roche-Decode ha permesso importanti scoperte. https://www.decode.com/

Il gruppo farmaceutico svizzero Roche e la società biotecnologica islandese Decode hanno annunciato martedì di aver identificato un gene responsabile dell'ischemia cerebrale e di aver localizzato la regione cromosomica di quello del diabete di tipo II, degli adulti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 maggio 2001 - 13:58

Roche indica in un comunicato che si tratta del primo fattore genetico importante mai identificato prima d'ora per le forme correnti di ictus, che è la terza causa di morte nei paesi industrializzati. Allo studio hanno partecipato 3000 pazienti islandesi e le loro famiglie.

Quasi altrettanti volontari hanno preso parte alla ricerca del laboratorio Decode che ha permesso di localizzare il gene lagato al diabete di tipo 2, situato in una piccola regione cromosomica, che costituisce circa il 90% dei casi di diabete e perlopiù colpisce individui di oltre 40 anni e le persone obese.

Il gruppo farmaceutico basilese aveva annunciato già nel marzo dell'anno scorso che i ricercatori della Decode erano riusciti a realizzare la mappa di un gene associato al rischio di ischemia cerebrale. Ora sono finalmente riusciti a identificare il gene responsabile della patologia e la scoperta permetterà di migliorare i metodi di diagnosi e i prodotti farmaceutici.

Nel 1998, la Roche ha stipulato con la Decode Genetics Inc., specializzata nello studio del genoma umano, una collaborazione della durata di cinque anni per identificare alcuni geni responsabili di dodici patologie frequenti di natura cardiovascolare, neurologica, psichiatrica o metabolica.

La Roche può sfruttare i diritti di eventuali scoperte per sviluppare farmaci di cui comunque rimarrà proprietaria la Decode. Inoltre i prodotti sviluppati dalla multinazionale saranno ceduti gratuitamente all'Islanda, che vi contribuisce con l'intera popolazione.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo