Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il Miracolo di Berna

Una partita di calcio che approda al cinema non è qualcosa di usuale. Tuttavia è quanto accaduto per la finale del Mondiale 1954, disputatasi allo stadio del Wankdorf di Berna il 4 luglio. Sconfitti con un pesante 8-3 nel primo turno dalla Grande Ungheria, i tedeschi riescono a sublimarsi nella finale. Sotto una pioggia battente, la Repubblica federale tedesca subisce nei primi minuti il gioco di Puskas e compagni. All'ottavo del primo tempo, gli ungheresi, imbattuti da una trentina di partite, conducono già per 2-0.

La nazionale diretta dal mitico Sepp Herberger non ci sta: con Morlock e Rahn la Germania agguanta il pareggio. Le due squadre rientrano nello spogliatoio. Tutto da rifare. Il campo bagnato non agevola il gioco tecnico e veloce dei magiari, che attaccano ma non passano. E a sei minuti dalla fine il miracolo: Rahn raccoglie un pallone al limite dell'area ungherese, si accentra, evita un difensore e insacca con un sinistro angolato ma non potentissimo. "Toooooooooooooooooooor!": il grido di Heribert Zimmermann, il più popolare dei radiocronisti tedeschi, rappresenta una sorta di risurrezione per una nazione che si sta a malapena risollevando dalle distruzione della guerra. La Germania è campione del mondo! Una vittoria tanto inattesa che diventa leggenda e che 50 anni dopo, nel 2004, sarà portata sugli schermi da Guido Knopp e Sebastian Dehnhard.

swissinfo

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×