Il Procuratore generale in Italia a fine mese

Valentin Roschacher, procuratore pubblico della Confederazione Keystone

Il 29 ottobre il procuratore generale della Confederazione Valentin Roschacher sarà a Roma per sottoscrivere un protocollo d'intesa contro i reati di associazione mafiosa e riciclaggio di danaro sporco.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2001 - 15:45

La sigla del protocollo è prevista presso la sede della Direzione nazionale antimafia (Dna) alla presenza del procuratore nazionale antimafia Pier Luigi Vigna. La conferma dell'incontro viene da una portavoce del Ministero pubblico della Confederazione.

Il giorno successivo, Roschacher dovrebbe incontrare a Bari i magistrati che da anni indagano sulla cupola mafiosa del contrabbando di sigarette tra il Montenegro e la Puglia. Stando all'Ansa, Roschacher terrà una riunione con il procuratore generale presso la Corte d'appello, Riccardo Dibitonto, il procuratore della Repubblica presso il Tribunale, Emilio Marzano, e il sostituto della Direzione distrettuale antimafia (Dda), Giuseppe Scelsi.

Quest'ultimo è il magistrato che dal '96 indaga sulla cupola del contrabbando internazionale e che ha in corso numerose inchieste che hanno portano negli ultimi anni a decine di arresti.

L'incontro a Bari sarebbe stato chiesto dal Ministero pubblico della Confederazione in vista dell'entrata in vigore, il primo gennaio 2002, della nuova normativa sulla compentenza ad indagare sui reati di criminalità organizzata di tipo mafioso e riciclaggio.

Roschacher e i suoi collaboratori dovrebbe incontrare i vertici della procura barese per fare il punto sulle numerose rogatorie già in corso e da avviare tra la procura di Bari e quelle svizzere sull'individuazione dei flussi finanziari della cupola del contrabbando.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo