Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Importante ritrovamento fossile in Svizzera

Le impronte misurano fino a 60 cm di diametro.

Nel cantone dei Grigioni, un paleontologo dilettante ha scoperto le orme fossilizzate di un sauropode, che sembrano risalire ad almeno 200 milioni di anni fa.

Le tracce rinvenute sono le più antiche al mondo nel loro genere; il ritrovamento dimostra inoltre – secondo gli esperti – che la regione, prima della formazione delle Alpi, non è sempre stata ricoperta dal mare.

Nel Parco Ela (cantone dei Grigioni) sono state scoperte impronte di dinosauro fossilizzate appartenenti ad un sauropoda del Triassico. Le tracce risalgono a 200 fino a 210 milioni di anni fa e sono verosimilmente le più antiche al mondo di questa specie.

Le orme, di forma circolare, hanno un diametro fino a 60 centimetri e non lasciano intravedere le dita dei piedi, ha spiegato mercoledì in una conferenza stampa il Museo della natura dei Grigioni.

Stando alle ricostruzioni effettuate dagli esperti, questa specie di erbivoro terrestre – caratterizzato da un lungo collo e da una coda altrettanto lunga – misurava circa sei metri di lunghezza e due di altezza.

Seconda scoperta

Rico Stecher, insegnante a Coira, aveva rinvenuto le tracce del sauro l'anno scorso, su una lastra rocciosa quasi verticale nei pressi del Tinzenhorn, nel parco naturale che si estende tra la valle dell'Albula e dello Julier.

Si tratta della seconda scoperta sensazionale del paleontologo dilettante: poco lontano, egli aveva infatti in precedenza trovato lo scheletro ben conservato di un piccolo pterosauro (un rettile in grado di volare) di una specie fino ad allora sconosciuta, da lui poi denominata «Raeticodactylos filisurensis».

Zona ricca

Nella medesima area, anche la guida Andreas Niedermann si era imbattuta in simili testimonianze preistoriche. Niedermann, che stava accompagnando un gruppo di escursionisti sul vicino Piz Mitgel, aveva scoperto una roccia cosparsa di impronte.

Alcune di queste appartengono pure a sauropodi, altre a differenti tipi di sauri non ancora identificati. In questi fossili più piccoli sono chiaramente riconoscibili le dita dei piedi.

Progetto pluriennale

Le richerche scientifiche sono appena cominciate: i musei di Basilea e dei Grigioni prevedono di finanziare assieme un progetto che dovrebbe durare alcuni anni. Una cosa è però sin d'ora certa: le impronte rappresentano le prime tracce di dinosauri in formazioni geologiche simili a quelle della valle dell'Albula, ad un'altitudine di circa 3000 metri.

La maggior parte delle orme di dinosauri ritrovate in Svizzera sono venute alla luce nel Giura e sono molto più recenti di queste recentemente trovate. La scoperta dimostra inoltre – secondo gli esperti – che la regione, prima della formazione delle Alpi, non è sempre stata ricoperta dal mare.

swissinfo e agenzie

Impronta trafugata

A inizio ottobre, è stata rubata dal sito paleontologico di Courtedoux (canton Giura) un'impronta di allosauro, un dinosauro carnivoro vissuto circa 140-150 milioni di anni fa. L'allosauro era un dinosauro lungo tra i 7 e i 12 metri, alto 3,5 metri e pesava circa 3 tonnellate.

I ladri, aiutandosi con scalpelli, hanno prelevato una placca di un metro di diametro, e di circa 20 centimetri di spessore. Il valore dell'oggetto potrebbe ammontare a diverse decine di migliaia di franchi sul mercato nero.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza