Navigation

Skiplink navigation

Camera del popolo per inasprimento legge svizzera su stranieri

Con la revisione della legge federale sugli stranieri si profilano inasprimenti legati all'integrazione: la Camera del popolo ha infatti incluso nella normativa criteri più severi in questo campo. Il progetto di modifiche torna al vaglio della Camera dei Cantoni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2016 - 10:58
swissinfo.ch con tvsvizzera.it e Ats (TG RSI delle ore 20:00 del 14.09.16)

Contro la riforma ha votato l'Unione democratica di centro (UDC, destra conservatrice) perché il progetto considera l'integrazione un compito comune della Confederazione, dei cantoni, dei comuni e dei partner sociali e che, in tale ottica, siano accordati contributi finanziari federali per i programmi cantonali d'integrazione. Secondo l'UDC, invece, l'integrazione dovrebbe dipendere soprattutto dalla buona volontà dello straniero che giunge in Svizzera: si tratta insomma di una questione privata e non di un compito dello Stato.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo