Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

L'allenatore della nazionale dice addio a capitan Vogel

Rien ne va plus per l'ormai ex capitano della nazionale Johann Vogel

(Keystone)

Köbi Kuhn non convoca Johann Vogel. Gli rimprovera di influire negativamente sull'atmosfera che regna all'interno della nazionale svizzera di calcio.

Dopo 94 selezioni, il centrocampista del Betis Siviglia si vede dunque precludere il viaggio verso la Florida, dove i rossocrociati disputeranno due amichevoli con la Colombia e la Giamaica.

Il selezionatore della nazionale svizzera non ha convocato Johann Vogel per le amichevoli contro la Giamaica e la Colombia che si giocheranno negli Stati uniti. Il centrocampista del Betis Sevilla deve dire addio alla nazionale che capitanava dall'agosto del 2004. Vogel, che in passato ha vestito anche la maglia del PSV Eindhoven e del Milan, ha disputato 94 partite con la nazionale elvetica.

Köbi Kuhn ha spiegato l'esclusione di Vogel dicendo che «da tempo ormai c'era qualcosa che non andava, non solo sul campo ma anche negli spogliatoi». Per l'allenatore era necessario «dare un taglio a questa situazione. Non c'era più unità e solo con un gruppo unito si possono battere le grandi squadre». Kuhn ritiene che le ultime scialbe prove della nazionale siano state in parte condizionate da tensioni interne.

Kuhn ha informato Johann Vogel mercoledì sera per telefono. L'allenatore ribadisce di aver preso da solo questa decisione, senza consultare la squadra. A detta di Kuhn, Vogel ha reagito male alla notizia ed è poco probabile che ritorni un giorno a vestire la maglia della nazionale. Ma al quotidiano Le Matin, Vogel dice di sperare ancora in una convocazione per l'Euro 2008 e di non essere d'accordo con i motivi che Kuhn ha addotto per giustificare la sua esclusione.

Per Vogel, che compie 30 anni proprio l'otto marzo, la mancata convocazione arriva come un regalo di compleanno avvelenato. Le cose andarono diversamente dodici anni fa quando, sempre l'otto marzo, il centrocampista disputò la sua prima partita in rossocrociato contro la Grecia (1:1).

Spirito di squadra

Köbi Kuhn rimprovera al suo capitano di non essere stato autorevole in campo e questo non solo sotto il profilo del gioco, ma anche per quanto riguarda la comprensione reciproca tra i giocatori e lo spirito di squadra. «Nel corso delle ultime partite ho constatato dei deficit nel comportamento del gruppo sul campo. Un segno che non potevo ignorare», ha dichiarato l'allenatore nel corso di una conferenza stampa.

«Mi è stato affidato il compito di portare agli europei una squadra competitiva. Ma proprio la mancanza dell'attitudine mentale giusta è stato il nostro handicap maggiore nel corso delle ultime partite contro Austria, Brasile e Germania. Eppure lo spirito di squadra dovrebbe essere il nostro punto forte. Posso tollerare dei dissapori tra i miei uomini solo se sono limitati nel tempo».

Con l'avvicinarsi dei campionati europei la pressione su Kuhn e sulla squadra si fa sempre più forte. L'esclusione di Vogel potrebbe portare altri giocatori che gli sono vicini – come Patrick Müller – a lasciare spontaneamente la nazionale. Kuhn non può escluderlo, ma spera che la fase di assestamento duri poco. In Florida, dove la nazionale scenderà in campo il 22 marzo contro la Giamaica e il 25 contro la Colombia, Kuhn porterà 22 o 23 giocatori. Tra questi, oltre a Vogel, non ci saranno l'infortunato Daniel Gygax e il trentunenne Mauro Lustrinelli, al quale il tecnico zurighese preferisce dei giovani.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Johann Vogel nasce l'8 marzo 1977 a Ginevra.
Gioca nella squadra spagnola del Betis Siviglia.
Ha giocato per il Grasshopper (Zurigo, 1992-1999), per il PSV Eindhoven (1999-2005) e per il Milan (2005-2006).
Prima selezione in nazionale: 8 marzo 1995 (Grecia-Svizzera).
Numero di selezioni: 94.
Capitano dall'agosto del 2004.

Fine della finestrella

Il programma

La nazionale svizzera di calcio sarà in Florida per un campo d'allenamento a partire dal 20 marzo. Disputerà due amichevoli con la Giamaica (22 marzo) e la Colombia (25 marzo).

La preparazione per i campionati europei del 2008 – che si disputeranno in Svizzera e Austria – proseguirà con due avversari di prestigio: l'Argentina (2 giugno a Basilea) e l'Olanda (22 agosto a Ginevra).

Tra settembre e ottobre, la Svizzera parteciperà ad un quadrangolare nel corso del quale affronterà il Cile (7 settembre), il Giappone (11 settembre) e l'Austria (13 ottobre).

Entro metà novembre dovrebbero seguire altre due partite contro avversari ancora da determinare.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.