Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

L'aria che uccide

Solo l'inquinamento provocato dal traffico motorizzato causa la morte di 1800 persone all'anno

(Keystone Archive)

Ogni anno in Svizzera 3300 persone muoiono a causa dell'inquinamento atmosferico. L'allarmante dato emerge da uno studio decennale del Fondo nazionale per la ricerca scientifica.

«La Svizzera non sta seguendo la via dello sviluppo sostenibile». A lanciare l'allarme è il Programma prioritario (PP) sull'ambiente del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS). In futuro sarà soprattutto necessario coinvolgere gli interessati - Stato, industria, popolazione - e creare condizioni che facilitino l'apprendimento permanente e l'azione in campo ecologico.

Non si fa abbastanza sul piano ecologico

Il rapporto del PP, presentato in sintesi lunedì a Berna, auspica la promozione di nuovi processi d'apprendimento permanente per modificare valori e modelli di pensiero. I problemi maggiori di uno sviluppo sostenibile, infatti, si incontrano nella definizione degli obiettivi, più che nel raggiungerli. «Oggi viene applicato ciò che è possibile dal punto di vista economico e sociale e non quanto ecologicamente necessario», sostiene Rudolph Häberli, direttore del Programma Pioritario

La cooperazione deve coinvolgere politica, economia e società. Infatti, lo sviluppo sostenibile non può essere dettato dall'alto, ma va basato sul consenso dell'intera società. Cambiare mentalità è un processo difficile, tuttavia si sta cominciando, sostiene Hans R. Thierstein, presidente del gruppo di esperti del PP sull'ambiente. Ma ogni singolo cittadino deve ripensare le sue abitudini e i suoi valori, soprattutto per ciò che riguarda il consumo energetico. E anche la collaborazione interdisciplinare e quella internazionale vanno rafforzate.

Ridurre le emissioni di anidride carbonica

In tutto, gli esperti hanno presentato tredici raccomandazioni. Tra queste, un'applicazione sistematica della legge sul CO2 e lo sviluppo di agenzie dell'energia per promuovere accordi volontari con il settore privato per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica. Anche una riforma fiscale «ecologica» può facilitare l'apprendimento permanente e l'azione nel campo della protezione dell'ambiente.

Rahel Gessler, co-autrice della sintesi del rapporto PP, è dell'opinione che «la Svizzera non stia seguendo la via dello sviluppo sostenibile». Nel testo gli esperti rilevano, ad esempio, che l'inquinamento dell'aria provoca ogni anno 3'300 decessi prematuri. E l'inquinamento dovuto al traffico causa 1'800 vittime all'anno, tre volte di più dei morti in incidenti della circolazione.

Ambiente in pericolo

Secondo i ricercatori, ogni secondo 1 m quadrato di terreno viene edificato e un terzo dei suoli biologicamente attivi sono minacciati da erosione, densificazione e concentrazione di sostanze nocive. Inoltre, l'arco alpino è particolarmente colpito dal cambiamento climatico, che provoca catastrofi naturali sempre più frequenti.

Anche fauna e flora sono toccate, più che in altri paesi industrializzati: in Svizzera, il 95 per cento delle specie di anfibi, l'80 per cento dei rettili, il 45 per cento degli uccelli da cova e il 32 per cento delle piante selvatiche indigene sono estinti o in pericolo.

Il PP sull'ambiente è iniziato nel 1992. In dieci anni sono stati investiti 100 milioni di franchi in quasi 250 progetti di ricerca, in collaborazione con le università svizzere, coinvolgendo più di 1'300 studiosi. I risultati sono contenuti in oltre 3'000 pubblicazioni.

swissinfo e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.