Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

L'avvocato Ed Fagan vuole più soldi

Il combattivo legale non si accontenta dei 300'000 dollari propostigli.

(Keystone)

Tutti i legali che si erano impegnati nell'ambito dell'accordo globale sulle vittime dell'Olocausto otterranno il loro compenso. Ma non tutti sono d'accordo.

Quattro anni dopo l'accordo con le banche svizzere, il giudice Korman ha dato luce verde al pagamento delle parcelle.

L'informazione è stata confermata lunedì dal principale avvocato delle vittime, Burt Neuborne. Su richiesta del giudice Korman aveva proposto gli onorari da versare ad ognuno dei legali. Gli avvocati che hanno accettato queste somme, verranno pagati subito. Non tutti, però, hanno accettato le somme previste.

Si tratta di Robert Swift, che avrebbe dovuto ricevere 1,25 milioni di dollari e che ne vuole di più. Anche Ed Fagan ritiene che gli spettino più dei 300'000 dollari proposti. Entrambi verranno ricevuti ancora questo mese dal giudice Korman, ha spiegato Burt Neuborne.

Cattedra universitaria

L'importo maggiore - 1,6 milioni di dollari - è andato allo studio legale Lieff, Cabraser, Heimann & Bernstein, ha precisato Neuborne. Gli avvocati hanno versato 1,5 milioni di questo importo all'università nuovayorkese di Columbia, in vista della creazione di una cattedra sui diritti dell'uomo e affinché una tragedia come quella dell'Olocausto non si ripeta mai più.

Lo studio Burger & Montagne, rappresentato essenzialmente dall'avvocato Steve Whinston, ha ricevuto 1,1 milioni di dollari. L'impegno in favore delle denunce degli zingari ha fruttato a Barry Fisher 300'000 dollari.

Rinuncia

Burt Neuborne, Michael Hausfeld e Mel Weiss avevano dichiarato dall'inizio di essere pronti a rinunciare ai loro onorari. "Avevamo un obbligo morale". Christoph Meili, che aveva salvato alcuni documenti dell'archivio dell'UBS dalla distruzione, ha già ricevuto 600'000 dollari alcuni mesi fa.

Riceverà complessivamente un milione di dollari, provenienti dagli 1,25 miliardi di dollari, versati dalle banche. L'importo gli era stato promesso per aver accettato di ritirare la sua denuncia contro la grande banca elvetica.

Nell'agosto del 1988, il Credit Suisse e l'UBS avevano concluso un accordo per evitare le sanzioni e le denunce collettive negli Stati Uniti. L'accordo stabilisce che 800 milioni di dollari andranno agli eredi dei titolari di conti in giacenza. L'importo restante verrà devoluto ad altre vittime del nazismo come gli ex profughi, respinti alle frontiere svizzere o i prigionieri costretti ai lavori forzati.

swissinfo e agenzie

In breve

Da quattro anni si discute su quanto, degli 1,25 miliardi di dollari, previsti dall'accordo, verrà destinato alle parcelle degli avvocati.

Legali come Ed Fagan e Robert Swift avevano chiesto 12 milioni di dollari. Il giudice Edward Korman ora ha stabilito gli importi ma i due avvocati non condividono il parere del giudice.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.