Navigation

L'ex direttore della Posta alla sbarra

Jean-Noël Rey Keystone Archive

Il processo contro l'ex direttore generale della Posta Jean-Noël Rey è cominciato giovedì a Berna. Rey è accusato di amministrazione infedele e infedeltà nella gestione pubblica per aver concesso un prestito di 100'000 franchi senza le necessarie garanzie finanziarie.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 gennaio 2001 - 10:22

Sul banco degli imputati, davanti al giudice unico del Tribunale distrettuale, siede anche Peter Sutterlüti, ex membro della direzione e responsabile del settore «lettere e pacchi». Deve difendersi dalle stesse accuse.

Il caso venne alla luce nel 1998, quando la stampa rivelò il versamento di un ingente indennizzo - 277'268 franchi - a Urs Haymoz. Questi aveva rinunciato ad assumere la carica di vicedirettore cui era stato nominato, a seguito dell'apertura di un procedimento penale contro di lui in Germania per amministrazione infedele. Rey finì nel mirino di critiche virulente e fu accusato di favoritismo.

Un'inchiesta amministrativa avviata dal Dipartimento federale dei trasporti non mise in luce scorrettezze da parte sua: ma rivelò un prestito di 100'000 franchi concesso nel 1994 dalla Posta all'avvocato bernese Walo Ilg: tale somma sarebbe dovuta servire da garanzia per la costituzione di una filiale della Posta, la Mondial- Transport SA.

Il pubblico ministero ritiene che quel prestito fu concesso incautamente, dato che era nota la delicata situazione finanziaria del legale bernese: e in effetti l'avvocato non fu in grado di restituire interamente la somma ricevuta. Per la Posta Il danno fu di 43'000 franchi.

Il dipartimento di Moritz Leuenberger rinunciò a promuovere un procedimento penale, giungendo alla conclusione che Rey non agì intenzionalmente: ma ormai la frittata era fatta e viste le polemiche Rey rassegnò le dimissioni. Il procedimento penale fu avviato d'ufficio dal Ministero pubblico della Confederazione, allora diretto da Carla Del Ponte. Rey e Sutterlüti respingono ogni addebito.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?