La Roche alla ricerca di una cura per la schizofrenia

Un ricercatore della Roche al lavoro. https://www.roche.ch/

Gli esperti della compagnia svizzera, in collaborazione con la DeCode Genetics, compagnia islandese all'avanguardia nel settore, stanno studiando un gene difettoso connesso alla malattia e sperano di mettere a punto un farmaco efficace entro 15 anni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 marzo 2001 - 17:03

Alcuni mesi fa i ricercatori della DeCode Genetics, una compagnia islandese che opera nel campo delle biotecnologie, hanno isolato un gene legato alla schizofrenia, una grave patologia psichiatrica che provoca la progressiva disgregazione della personalità. Gli esperti della DeCode hanno scoperto che gran parte dei pazienti affetti dalla malattia possiede una copia difettosa del gene in questione.

Ora, la compagnia islandese ha stretto un accordo con la Roche per sfruttare la scoperta e realizzare un test capace di diagnosticare la schizofrenia su basi biologiche e non psichiatriche. Un esame di questo tipo consentirebbe ai medici di trattare precocemente le persone a rischio, prima che manifestino i sintomi della patologia.

Kari Stefansson, fondatore della DeCode, un tempo professore della Harvard Universty, spera che entro quindici anni la Roche sia in grado di mettere a punto un farmaco utile per trattare la malattia. Il gene isolato determina la produzione di una proteina che compare nei tessuti nel cervello ed è implicata nel meccanismo biologico responsabile della comparsa della schizofrenia. Proprio questa proteina potrebbe essere il bersaglio di un futuro trattamento farmacologico.

Oltre al gene della schizofrenia, i ricercatori della DeCode hanno individuato di recente un gene legato ad una malattia delle arterie. Anche in questo caso, la Roche ha acquistato i diritti per lo sfruttamento della scoperta in campo diagnostico e terapeutico.

Secondo gli accordi stabiliti tra le due compagnie, la casa farmaceutica svizzera finanzierà le ricerche della DeCode fino al 2006, in cambio della sua esperienza nel settore della genomica. Oltre ai test e ai farmaci, la Roche produrrà anche materiale informativo sull'uso corretto della diagnostica genetica destinato ai medici e ai pazienti.

Maria Cristina Valsecchi

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo