Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La telecrazia

Oggi come oggi, lo stadio è un gigantesco studio televisivo. Si gioca per la televisione, che ti offre la partita in casa. E la televisione comanda.

Nel Mondiale del 1986, Valdano, Maradona e altri giocatori protestarono perché le partite principali si giocavano a mezzogiorno, sotto un sole che friggeva tutto quello che toccava. Il mezzogiorno in Messico, l'imbrunire in Europa: era l'orario che conveniva alla televisione europea. Il portiere tedesco Harald Schumacher raccontò quello che succedeva: "Sudo. Ho la gola secca. L'erba è come merda secca: dura, strana, ostile. Il sole cade a picco sullo stadio ed esplode sulle nostre teste. Non proiettiamo ombre. Dicono che questo è buono per la televisione".

La vendita dello spettacolo importava più della qualità del gioco? I giocatori devono solo tirare calci, non scalpitare. E Havelange (il presidente della FIFA, ndr) mise la parola fine a questa imbarazzante questione: "Pensino a giocare e stiano zitti", sentenziò.

estratto da "Splendori e miserie del gioco del calcio", di Eduardo Galeano

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.