Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La via dello Sbrinz Sulle tracce dei mulattieri

Attraversare le Alpi a piedi su antiche mulattiere: è la sfida che ripetono ogni anno una trentina di donne e uomini, vestiti in modo tradizionale e accompagnati da asini e muli carichi di merce. Lungo il tragitto di 150 km tra il lago dei Quattro cantoni e Domodossola, la carovana è seguita da numerosi escursionisti. 

Per secoli, i mulattieri hanno utilizzato questa via alpina per trasportare in Italia merce preziosa, come sale, grano, bestiame, pelli, cristalli e opere d’arte. Anche il formaggio Sbrinz faceva parte di queste esportazioni. Al ritorno, venivano portati in Svizzera vino, riso, castagne, seta e spezie. I profitti andavano ai mercanti, mentre i mulattieri restavano a mani vuote.

I viaggi erano difficili e pericolosi: i cambiamenti repentini delle condizioni climatiche, i banditi e i contrabbandieri rendevano la vita difficile ai mulattieri. Oggi una preghiera ricorda quest’epoca: «Noi mulattieri seguiamo il cammino che i nostri antenati hanno percorso. Allora il lavoro era duro e pericoloso. Mentre adesso è un’attività di svago esercitata con molto idealismo».

Oggi il turismo sostenibile su sentieri ripristinati rappresenta un valore aggiunto per le valli discoste. Ma la ricostituzione dell’itinerario dello SbrinzLink esterno è più di un’attrazione turistica. È un viaggio nel passato, quasi avanguardistico nella sua radicale lentezza.

(Immagini: Daniel Rihs; Testo: Gaby Ochsenbein, swissinfo.ch) 

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano